Rimedio naturale alla febbre da fieno

di Luca Bruno

Ci sono i farmaci, ma è stato provato che nel caso della febbre da fieno anche i rimedi naturali possono avere una loro importanza decisiva.

fieno2

Se la maggior parte di noi gioisce per l’esplosione di fiori e verde che accompagna la primavera qualcuno è particolarmente angosciato alla vista di tutta questa ricchezza di vita e colore, perché, affetto da febbre da fieno, per lui la stagione a venire sarà caratterizzata dei fastidiosi sintomi dell’allergia ai pollini, tra i quali il raffreddore e l’asma allergica.

E’ vero che ci sono i farmaci, ma è stato provato che nel caso della febbre da fieno anche i rimedi naturali possono avere una loro importanza decisiva.


Quando si ha una reazione allergica a qualcosa che viene inalato, il sistema immunitario reagisce in modo molto simile a quando si è colpiti da un virus. Ecco spiegata l’insorgenza del raffreddore e la lacrimazione, espedienti che il nostro organismo utilizza per impedire ai germi di penetrare all’interno del corpo.


Quindi anche chi è affetto da febbre da fieno, a parte evitare l’esposizione in ambienti dove si può trovare il polline avrà grandi benefici con l’irrigazione nasale in grado di pulire le vie respiratorie.

Ci sono diversi metodi per attuare l’irrigazione nasale, tra i quali il più diffuso sono certamente le soluzioni idrosaline vendute in farmacia, in contenitori monodose e per più applicazioni, dotate di uno spruzzatore che spinge la soluzione salina ben all’interno delle narici.

La stessa operazione si può attuare grazie ad una siringa senza ago o con dei contenitori speciali che permettono il passaggio della soluzione da una narice all’altra.

Gli effetti delle irrigazioni nasali non deve in ogni caso essere comparato alle cure mediche vere e proprie, che comprendono spray nasali a base di antistaminici o corticosteroidi, e non sono certo efficaci come le iniezioni antiallergiche o le immunoterapie.

Tuttavia studi recenti hanno confermato che le irrigazioni nasali portano sicuramente sollievo e permettono a chi è colpito da febbre da fieno di poter usare farmaci in dose minore, il che non è mai male.

Uno studio del 2008 riporta che un test eseguito su un campione di 401 bambini ha rilevato che le irrigazioni nasali hanno anche contribuito in maniera determinante a ridurre i sintomi influenzali ed il raffreddore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>