Il livello dell’educazione influisce sull’asma

di Luca Bruno

Una recente ricerca realizzata in Canada avrebbe appurato esserci un legame tra i livelli di educazione e l'asma provocata dalle allergie.

inaler

Una recente ricerca realizzata in Canada avrebbe appurato esserci un legame tra i livelli di educazione e l’asma provocata dalle allergie. Insomma, i più poveri avrebbero un rischio maggiore di sviluppare forme più gravi di asma.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Respiratory Research, è stato realizzato tramite l’osservazione di un campione di 871 adulti, e, valutando i dati raccolti, i ricercatori hanno verificato che coloro che avevano meno di 12 anni in media di istruzione, avevano attacchi di asma più gravi ed erano più spesso obbligati a far ricorso al pronto soccorso: nel corso dell’anno appena trascorso, la percentuale di coloro che si sono rivolti al pronto soccorso sono stati il 55%.

Perché questa discrepanza? I ricercatori hanno il forte sospetto che tali risultati abbiano a che fare con la povertà: i poveri infatti, hanno mediamente un percorso scolastico più breve.

Non solo, ma è più facile che abitino in ambienti degradati, maggiormente esposti all’inquinamento ambientale, al fumo di tabacco, ed altri agenti nocivi per la salute.

Il legame tra lo status socioeconomico e l’asma è già stato più volte evidenziato con sicurezza nei bambini, e questo studio non fa altro che confermare che la stessa tendenza si verifica tra la popolazione adulta.

Secondo i ricercatori, i pazienti con un più basso livello di istruzione sono più inclini ad adottare comportamenti non salutari come l’uso del tabacco, o una cattiva alimentazione con il rischio di obesità, oltre a vivere in ambienti meno salubri, tutti fattori che possono facilmente aggravare anche i sintomi dell’asma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>