Cura Di Bella gratis

di Vito Verna 4

Grazie alla decisione del Tribunale di Bari si avallerebbe la possibilità, quanto mai sensazionalistica, che alcune gravissime patologie, quali, per l'appunto, quelle oncologiche, possano venir curate grazie a trattamenti facili e veloci.

La notizia, diffusa in giornata dai principali quotidiani locali e nazionali, ha veramente dell’incredibile: il giudice Maria Procoli, impiegato presso la sezione Lavoro del Tribunale di Bari, avrebbe costretto l’ASL (Azienda Sanitaria Locale) della cittadina pugliese, con una sentenza shock passata in giudicato ma comunque già impugnata dal direttore generale Domenico Colasanto, ad erogare ad un paziente oncologico, gratuitamente, la somatostatina, ormone ipotalamico che il prof. Luigi Di Bella designò quale elemento portante del proprio metodo sperimentale antitumorale.

Peccato però che il Metodo Di Bella, del quale parlammo diffusamente in alcuni nostri articoli di qualche tempo fa, non sia mai stato verificato ne abbia mai dimostrato la propria efficacia, rivelandosi in più occasioni, come evidenziato dai dati raccolti dallo stesso Di Bella nel corso dei propri esperimenti, totalmente, completamente e definitivamente inutile.

SPERIMENTAZIONE DEL METODO DI BELLA

Grazie alla decisione del Tribunale di Bari, contestata a gran voce sia dai responsabili dell’ASL di Bari sia da Carmine Pintu, responsabile nazionale dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica, o AIOM, non solo si avallerebbe la possibilità, quanto mai sensazionalistica, che alcune gravissime patologie, quali, per l’appunto, quelle oncologiche, possano venir curate grazie a trattamenti facili e veloci la cui efficacia sarebbe stata in più occasioni messa in dubbio dalla comunità scientifica nazionale ed internazionale, bensì si sottrarrebbero al SSN (Sistema Sanitario Nazionale) della Regione Puglia importantissime risorse economiche delle quali, in realtà, non potrebbe assolutissimamente fare a meno e che, per esempio, potrebbero venir meglio impiegate sia per la sopravvivenza stessa del sistema, le cui carenze strutturali sarebbero gravi e radicate, sia per la sopravvivenza dei pazienti.

Commenti (4)

  1. se un paziente decide di fare MDB il Sistema Sanitario Nazionale ne GUADAGNA assai rispetto ai tradizionali cicli di chemio, e se muore prima (dato che l’MDB è ritenuto inefficace) lo stato e qundi anche noi che paghiamo le tasse ci guadagnamo ancor di più -direi che sono iniziative da incoraggiare anzicchè stracciarsi le vesti – non capisco perchè nessuno si è scandalizzato per le altre 1999 condanne di giudici alle ASL per l’ erogazione gratutita di MDB a pazienti che ne hanno documentato l’efficacia con cartelle cliniche e perizie oncologiche (che il giudice ha fatto controllare da un perito suo di parte) ! dove è lo scandalo? nel non avere mai parlato delle altre sentenze fino ad oggi casomai !!! – giornalisti:fate il vostro dovere-mestiere che non è esattamente quello di rilanciare semplicemente una agenzia ma VERIFICARE e fare CRONACA VERA

  2. definire “trattamento facile e veloce” l’MDB è poi una delle bestialità più raccapriccianti che chi sappia davvero in cosa consista il Metodo DI Bella possa aver pensato mai di poter leggere – il signor Carmine Pintu è con evidenza un IGNORANTE in MDB da decorare con la massima dis-onorificenza

  3. Peccato che il Metodo Di bella nella sperimentazione sia stato boicottato con farmaci scaduti e cambiamento dei protocolli della cura, addirittura su malati terminali, distrutti precedentemente da cicli di radio e chemioterapia…

  4. trovo le notizie di questo articolo assurde, che denotano una cattiva informazione, a discapito di persone che già devono combattere un male subdolo come il cancro! Ricorderei, vista l’ignoranza in materi, che ad oggi oltre 2000 sentenze hanno condannato le usl di competenza territoriale, a pagare la multiterapia di bella al paziente. Aggiungo che un giudice sa BENISSIMO e soprattutto conosce BENISSIMO la costituzione e i diritti di un cittadino, in questo caso di un malato. La libertà di scelta di cura, soprattutto se vallata da una cura che da risultati positivi, deve essere riconosciuta. La MDB è razionale e scientifico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>