Virus che potrebbe sterminare l’umanità

di Vito Verna Commenta

In Olanda, partendo dal virus dell'influenza aviaria, è stato creato un virus in grado di scatenare una patologia potenzialmente apocalittica.

Non stiamo parlando, vogliamo subito rassicurare i nostri lettori, di una nuova patologia individuata in qualche anfratto nascosto e perduto del globo, pronto a diffondersi per sterminare panico, morte e disperazione.

Ci stiamo invece riferendo, molto più semplicemente, ad un esperimento di laboratorio, peraltro brillantemente condotto dall’equipe del virologo olandese Ron Fouchier, di stanza all’Erasmus Medical Center di Rotterdam, il cui scopo è stato quello di analizzare e sintetizzare una nuova forma virale, basata sul virus H5N1 (responsabile della cosiddetta influenza aviaria), le cui caratteristiche di aggressività e contagiosità le permetterebbero, in un lasso di tempo considerevolmente ridotto, di uccidere l’intera popolazione umana.

SINTOMI INFLUENZA AVIARIA

Si è così scoperto, secondo fonti non ufficiali, giacché i risultati dell’esperimento, sebbene una scoperta di tal genere sia di portata universale, non verranno mai pubblicati o divulgati in alcun modo, che basterebbero solamente 5 mutazioni genetiche, evenienza non impossibile da realizzarsi, per trasformare l’attuale H5N1 nel virus creato in Olanda e per scatenare una pandemia che farebbe impallidire la più banale influenza aviaria che ha interessato alcune aree della terra negli ultimi anni.

DIAGNOSI INFLUENZA SUINA

L’idea, naturalmente, è quella di avere a disposizione un campione di una potenzialmente apocalittica patologia, così da studiarne, approfonditamente, ogni aspetto in merito ad aggressività, latenza, contagiosità, vie di trasmissione e quant’altro così che, qualora la succitata ipotesi dovesse mai concretizzarsi, il mondo possa affrontarla nel migliore dei modi possibili, contendendo quanto più possibile il virus e dando modo alla maggior parte della popolazione di salvarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>