Individuato DNA della Morte Nera

di Vito Verna Commenta

Le pandemie moderne sarebbero causate dal batterio Yersinia Pestis, responsabile della Morte Nera.

Una notizia davvero molto sensazionale sarebbe stata diffusa in questi giorni dai ricercatori congiunti delle università di MacMaster, in Canada, e di Tubinga, in Germania che, recentemente, sarebbero riusciti a sequenziare l’intero DNA della Morte Nera, altrimenti conosciuta come peste bubbonica, la terribile pestilenza che, nel 1300, sconvolse e decimò la popolazione europea, riuscendo altresì ad individuare nel batterio Yersinia Pestis il responsabile non soltanto della Morte Nera bensì di qualsiasi altra pestilenza verificatasi da allora in tutto il mondo.

NUOVO BATTERIO KILLER INDIVIDUATO IN EUROPA


Un super-batterio, dunque, che ha letteralmente saputo sopravvivere ai secoli, subendo modificazioni genetiche pressoché irrilevanti, seminando morte e distruzione ovunque sia entrato in contatto con la popolazione umana.

INFLUENZA SUINA, DICHIARATA LA FASE 6: È PANDEMIA

L’esaltante scoperta, che ora potrebbe permettere l’evoluzione di medicinali ad hoc che possano distruggere il suddetto batterio, è stata possibile grazie al lavoro certosino delle equipe dei ricercatori delle università canadesi e tedesche che, dopo aver estrapolato il residuo materiale genetico dalla polpa dentale di cinque scheletri recentemente rinvenuti in una fossa comune inglese nei pressi di East Smithfield, che dagli archivi storici è emerso essere il luogo deputato delle sepolture di massa medioevali del ‘300, lo avrebbero amplificato e dunque sequenziato, riuscendo a ricostruirlo in laboratorio e, dunque, ad analizzarne le caratteristiche e ad affermare che, quella moedioevale fu la madre di tutte le pestilenze, causata da un batterio che sopravvive ancora oggi e che, in tutto il mondo, causa ancora 2.000 morti ogni anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>