Tatuaggi e rischi, il parere dell’esperto

di Ma.Ma.

Tatuaggi e rischi a essi correlati: li conoscete? Molto spesso le persone si tatuano senza sapere realmente a cosa vanno incontro. Proprio per sensibilizzare tutti coloro che amano dipingersi la pelle, lo specialista in dermatologia Giovanni Bagnoni, primario e coordinatore della Melanoma Unit della Toscana Nord Ovest, ha raccontato al Tirreno un aneddoto piuttosto eloquente per far capire quanto i tatuaggi si possano rivelarsi pericolosi per la salute.

Una mattina viene una ragazza giovane, poco più di trent’anni, che avevo operato qualche anno prima per un melanoma. “Dottore, ho un linfonodo che si è improvvisamente ingrossato”. Glielo tolgo e rimango senza parole: era nero. Ero davvero preoccupato e tanto dispiaciuto: era una bella ragazza, aveva tutta la vita davanti, sembrava che l’intervento di rimozione del melanoma fosse andato bene ma davanti al colore di quel linfonodo ho pensato al peggio, ero convinto che la faccenda fosse messa molto male. Dopo averlo mandato d’urgenza ad analizzare […] mi dicono: guarda che qui dentro non c’è nulla che non va, a parte un colorante che non capisco”. Allora ho ripensato a quella ragazza e ho tirato un sospiro di sollievo: aveva molti tatuaggi e il colorante arrivava da lì, attraverso i vasi linfatici era stato trasportato e si era concentrato nei linfonodi. Ecco, questa storia ci racconta una cosa: quanto sia importante, quando una persona decide di farsi un tatuaggio, avere la certezza che le sostanze utilizzate per tatuare siano sicure, perché esse penetrano nella pelle, arrivano ai linfonodi e vi rimangono. E potrebbero causare danni enormi se fossero tossiche

Ti potrebbe interessare anche:

Come rimuovere i tatuaggi

Tatuaggi e piercing: in aumento allergie e sensibilità della pelle

 

Photo Pixabay

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>