Usare il cioccolato per la diagnosi dei tumori sarà presto realtà

di Alessandro Bombardieri Commenta

cioccolato-fondente-benefici-afa-e-tintarella

Grazie a quanto scoperto da un recente studio, i cui risultati sono stati pubblicati su Nature Medicine, fra qualche mese sarà possibile diagnosticare il cancro semplicemente con il cioccolato oppure con delle bibite zuccherate.


Lo studio, effettuato dai ricercatori dell’University College di Londra, è riuscito a dimostrare che è possibile identificare le masse tumorali sulla base della quantità di zucchero assorbita dall’organismo, nettamente superiore in presenza di un tumore maligno.

La ricerca si è basata sul fatto che dopo l’ingestione di zuccheri i tumori diventano luminescenti, in questo modo è facile identificare le masse tumorali attraverso una risonanza magnetica. Come affermato da Mark Lythgoe, responsabile dello studio, l’analisi può essere eseguita dopo aver consumato una bevanda zuccherata, come una cola o un succo di frutta, o anche dopo aver consumato un alimento dolce come il cioccolato: è infatti possibile identificare un cancro usando la stessa quantità di zucchero presente in mezza tavoletta di cioccolato di dimensioni standard.

DIETA DIMAGRANTE A BASE DI CIOCCOLATO

Con questo nuovo metodo non ci sono nemmeno effetti collaterali, non bisogna usare radiazioni di alcun tipo per individuare i tumori e non servono nemmeno iniezioni. L’assenza di radiazioni inoltre consente di usare questo nuovo e particolare metodo anche sulle donne nel periodo della gravidanza e sui bambini. Come spiegato da Lythgoe, in questo modo un medico può anche scansionare il tumore ogni giorno se lo desidera.

I ricercatori sostengono che questo sistema potrebbe già essere impiegato entro i prossimi 18 mesi, in quanto la tecnica funziona già allo stato attuale, senza bisogno di modifiche di alcun tipo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>