Italia leader nella prevenzione dei melanomi

di Fabiana Commenta

Il nostro Paese si conferma all’avanguardia nella prevenzione, diagnosi precoce e cura dei melanomi nel totale rispetto delle linee guida internazionali

nei

Una buona notizia che fa onore al nostro Paese. L’Italia si conferma all’avanguardia a livello mondiale nella prevenzione, nella diagnosi precoce e nella cura dei melanomi: tutto merito delle efficaci campagne di prevenzione che nel corso del tempo cominciano a dare ottimi risultati anche in termini di vite salvate.

E addirittura secondo l’indagine Meta (task force melanoma) l’Italia si posiziona avanti agli USA stando alle linee guida cliniche internazionali.

Ignazio Stanganelli, direttore della Skin Cancer Unit dell’Istituto Romagnolo per lo studio e la cura dei tumori spiega via Ansa che il melanoma rappresenta la forma più pericolosa e letale di cancro alla pelle e in Italia rappresenta uno dei tumori più diffusi al di sotto dei 50 anni di età.

Responsabili silenziosi del cancro alla pelle sono senza dubbio le scorrette esposizioni al sole (magari senza filtro solare) anche in giovane età e le scottature, per non parlare delle lampade solari, particolarmente dannose. I dati diffusi confermano anche che i maggiori casi si registrano soprattutto nel nord Italia anche grazie alla presenza del fototipo chiaro. 

FORMAZIONE, CONTROLLO E PREVENZIONE DEI NEI

L’iter diagnostico dei centri italiani è particolarmente efficace anche grazie al tipo di visita effettuata dal dermatologo che comprende non solo l’osservazione ad occhio nudo, ma anche una visita accurata, la cosiddetta epiluminescenza.

È proprio questo tipo di esame a consentire la diagnosi precoce che riesce ad individuare i melanomi sottili, cioè quelli con prognosi favorevole e i melanomi che se vengono curati subito non si evolveranno metastasi. Dopo la diagnosi precoce la cura, vale a dire l’asportazione sembra praticamente garantire una sopravvivenza pari al 100%.

LA MIA PELLE, SITO ONLINE DEL MELANOMA DEL MINISTERO DELLA SALUTE

Il consiglio in ogni caso è di tenere sotto stretta osservazione i nei anche per poter tempestivamente notare un qualsiasi cambiamento a livello di forma, colore, dimensione o perimetro per rivolgersi immediatamente al dermatologo.

“Occhio a quel neo che cresce!” resta lo slogan, estremamente efficace, ideato per le campagne di prevenzione del melanoma.

 

 

Foto Thinkstock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>