Sintomi febbre dengue

di Luca Bruno 3

La dengue è una grave infezione virale causata dalla puntura di una specie di zanzara, Aedes aegypti diffusa in tutte le aree tropicali e subtropicali

zanzara1

La dengue è una grave infezione virale causata dalla puntura di una specie di zanzara, Aedes aegypti diffusa in tutte le aree tropicali e subtropicali e che negli ultimi anni ha registrato un significativo aumento della sua presenza oppure della ricomparsa in zone da cui era stata debellata.
Le zanzare sono portatrici del virus dengue, della famiglia dei flavivirus, che è stato catalogato in quattro tipi diversi, tutti altrettanto infettivi.
I sintomi principali della dengue sono la febbre alta, un forte mal di testa, dolore dietro agli occhi ed alle articolazioni, dolori muscolari e ossei, rash cutaneo, e piccole emorragie al naso, alle gengive oppure la comparsa di ecchimosi.

Generalmente i bambini molto piccoli, o coloro che la contraggono per la prima volta manifestano sintomi più lievi di quello che invece capita nei bambini più grandi e negli adulti.

Una particolare forma di questa malattia è la dengue febbrile emorragica, caratterizzata dalla febbre che dura dai 2 ai 7 giorni, accompagnata da sintomi analoghi a quelli della febbre dengue, ma che al termine del periodo febbrile può complicarsi in sintomi come vomito, forti dolori addominali e difficoltà respiratorie.

Entro 24-48 ore da questi sintomi i vasi sanguigni più piccoli cominciano a diventare permeabili facendo fuoriuscire il sangue che si riversa nel peritoneo e nella cavità pleurica.

Se non trattati opportunamente questi sintomi possono portare all’abbassamento della pressione arteriosa con susseguente shock che può condurre alla morte.

I pazienti che presentano la dengue febbrile emorragica hanno un basso livello di piastrine nel sangue, tendono a presentare facilmente ecchimosi ed altre forme di emorragia cutanea ed anche interna.

Non esiste una cura per la dengue, tuttavia se occorre vengono somministrati farmaci antipiretici per abbassare la febbre e viene trattata la disidratazione. Nel caso della dengue febbrile emorragica per evitare l’abbassamento pericoloso della pressione del sangue si ricorre a trasfusioni di sangue.

Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>