L’obesità incide anche sulla vita sociale e relazionale

di Luca Bruno Commenta

L'obesità ed essere in sovrappeso incide in maniera significativa anche sulla vita relazionale e sociale.

bilancia1

Se è risaputo che essere sovrappeso o obesi può aumentare il rischio di diabete di tipo 2, di malattie cardiovascolari, e persino l’insorgere di tumori, il peso corporeo in eccesso sembra influenzare sensibilmente anche il benessere psicologico e le relazioni sociali, secondo quanto osservato in una nuova ricerca condotta da ricercatori dell’Università del Michigan.
Gli esperti statunitensi hanno voluto esaminare le conseguenze dell’essere in sovrappeso sulla dimensione emotiva sociale e finanziaria, in uno studio a lungo termine tra i primi nel settore.

I ricercatori hanno seguito 5.000 persone dall’età del liceo liceo fino alla mezza età, monitorando il peso corporeo e l’indice di massa corporea per ben 22 anni.

Due sono stati i percorsi nel valutare il peso corporeo dei volontari: le persone che erano di peso normale durante il periodo liceale e che hanno guadagnato peso in piccole percentuali ogni anno successivo e quelli già in sovrappeso all’età di 19 anni, e che hanno continuato ad aumentare di peso nel corso della loro vita.

Secondo gli autori della ricerca sono emersi dati preoccupanti: Le persone già in sovrappeso in età scolastica sono risultate avere un rischio tre volte maggiore di sviluppare malattie croniche come cardiopatie o diabete; hanno avuto quasi il doppio di probabilità di essere inseriti in programmi di sostegno finanziario ed una volta e mezza la probabilità di essere disoccupati o in difficili condizioni finanziarie; infine sono risultati avere una probabilità significativamente più alta di avere problemi a trovare un partner.

E se lo studio non ha potuto valutare quanto l’essere in sovrappeso o obesi può influire sulle condizioni di single o di solitudine, è ben noto che essere sovrappeso può incidere sull’autostima, e che ciò può provocare conseguenze nel rendimento scolastico, nel lavoro e nelle relazioni sociali.

Lo studio in definitiva getta una nuova luce su fattori di rischio associati all’obesità che spesso sono trascurati in altri studi di settore, e di fatto sottolinea l’importanza di invitare i giovani a prestare più attenzione al proprio peso corporeo, per non avere nella vita futura ulteriori problemi di carattere relazionale e sociale oltre a quelli già noti riguardanti il rischio di malattie croniche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>