Consigli di salute inaffidabili su Internet

di Luca Bruno Commenta

Cercare informazioni sulla salute attraverso i motori di ricerca come Google non dà risultati affidabili, secondo quanto appurato da un'equipe di ricercatori anglosassoni.

online-house-call-md

Cercare consigli di salute attraverso i motori di ricerca come Google non dà risultati affidabili, secondo quanto appurato da un’equipe di ricercatori anglosassoni.
La ricerca è stata compiuta da un’equipe di medici in forze presso la Nottingham University Hospitals NHS Trust che ha verificato le risposte rintracciabili su Internet per cinque tra le più comuni voci sulla salute dei bambini, tra le quali l’allattamento al seno e l’autismo.
Secondo lo studio, apparso su Archives of Disease in Childhood, solo 200 su 500 siti visitati, ospitati nel Regno Unito sono risultati offrire agli utenti informazioni corrette.
E tra questi i siti gestiti dal governo sono stati gli uniti a fornire un’informazione del tutto affidabile.

Nel Regno Unito, secondo le stime, hanno accesso su Internet circa il 70% delle famiglie, e molte di queste si rivolgono proprio ai motori di ricerca per ottenere informazioni sulla salute del proprio bambino o su opinioni mediche in generale.

I ricercatori hanno verificato che la qualità delle consulenze fornite via Internet varia in modo significativo, con almeno la metà dei risultati della ricerca che omettono di rispondere alla domanda.

In totale, l’11% dei 500 risultati ha fornito informazioni inesatte mentre il 39% ha dato la risposta giusta. Mentre i siti che divulgavano notizie riguardanti la salute sono risultati corretti nel 55% dei casi.

Se i professionisti della salute devono continuare ad essere un punto di riferimento e la principale fonte di informazione per i pazienti e coloro che sono desiderosi di risposte, sostengono i ricercatori, bisogna comunque avere la consapevolezza che la maggior parte delle persone potrebbe rivolgersi ad Internet per cercare risposte alle proprie domande.

Molti medici, tuttavia, temono che l’enorme quantità di informazioni e di consulenza rintracciabili su Internet può essere spesso inaffidabile, fuorviante o addirittura, in qualche caso, pericolosa.

Uno studio precedente, che aveva esplorato la rete alla ricerca di “buone prassi” e consigli per la febbre del bambino aveva evidenziato come solo 3 su 22 siti esaminati offrivano risposte adeguate.

Fonte BBCNews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>