Un brindisi al giorno contro le malattie cardovascloari?

di Luca Bruno Commenta

i risultati di un recente studio affermano che due bicchieri di champagne al giorno possono essere di grande aiuto per il cuore e la circolazione.

champagne

Sarà che siamo in pieno periodo di feste e celebrazioni, e quindi in un periodo di facili bevute e di brindisi: i risultati di un recente studio, pubblicato online su British Journal of Nutrition affermano che due bicchieri di champagne al giorno possono essere di grande aiuto per il cuore e la circolazione.

Secondo i ricercatori dell’Università di Reading, nel Regno Unito, che hanno condotto l’esperimento, lo champagne rende disponibile più di ossido di azoto nei vasi sanguigni, il che contribuisce a una migliore regolazione della pressione del sangue e ad un minor rischio di coaguli di sangue.

Vantaggio questo, secondo gli studiosi, che sembra essere dovuto ai polifenoli presenti nelle uve rosse e bianche usate per fare lo champagne.

Dunque ciò potrebbe significare che si può bere una coppa di champagne al giorno per ridurre i rischi di malattie cardiovascolari?

I ricercatori non si spingono così lontano, si limitano a dire che un moderato consumo di champagne, come del resto di altri vini, rivela essere efficace, anche se l’approccio all’alcool deve comunque restare molto attento e moderato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>