Pomodoro aiuta a prevenire la depressione

di Fabiana Commenta

Un recente studio giapponese ha dimostrato che mangiare regolarmente pomodori aiuta a prevenire la depressione

Il pomodoro come frutto preventivo della depressione? Sembrerebbe proprio di sì stando ai dati raccolti da un team di ricercatori giapponesi e cinesi guidati dal professor Kaijun Niu del Cina Tianjin Medical University. Secondo gli scienziati mangiare pomodori rossi aiuterebbe a contrastare e prevenire la depressione, ma per vederne gli effetti il frutto andrebbe mangiato almeno due volte a settimana. Gli scienziati hanno monitorato le abitudini alimentari e lo stato di salute mentale di 986 persone e la relazione emersa fra l’alimentazione e la salute fisica e mentale è stata evidente.  Chi mangiava pomodori da due a sei volte alla settimana ha ottenuto il 46% in meno di probabilità di soffrire di depressione, rispetto a chi li mangiava meno di una volta a settimana e i pomodori.

PROPERIETA’ DEL POMODORO

Gli scienziati hanno analizzato in particolare gli effetti del licopene un potente antiossidante contenuto nei pomodori. Ebbene la riduzione dello stress ossidativo sembra essere utile per proteggere l’organismo, ma anche per prevenire o limitare i danni alle cellule cerebrali e questo spiegherebbe anche i benefici preventivi sullo stato mentale.

POMODORI DIMINUISCONO RISCHIO DI ICTUS

E solo il pomodoro vanterebbe proprietà del genere visto che lo studio ha dimostrato che mangiare altri ortaggi e verdure, come cavoli, carote, cipolle o zucche non ha avuto gli stessi effetti sul benessere psicologico dell’individuo. Insomma la prevenzione della depressione passa anche attraverso i colori e la tavola

Mangiare pomodori non può che aiutare anche il nostro benessere psicologico e non solo per il colore rosso. I risultati dello studio verranno pubblicati sul nuovo numero della rivista Journal of Affective Disorders.

 

Foto Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>