Il melograno è una pianta che appartiene alla famiglia delle Punicaceae e può raggiungere un'altezza massima di 4 metri;

melograno

Continuiamo a parlare di frutta e delle sue proprietà: dopo la mela, la pera, l’albicocca e le ciliege, oggi vogliamo parlare delle proprietà del melograno.
Il melograno è una pianta che appartiene alla famiglia delle Punicaceae e può raggiungere un’altezza massima di 4 metri; sembra che il melograno abbia origine dall’Asia del Sud, ma oggi viene coltivato anche nelle zone mediterranee e nel Nord America.
Il melograno è ricco di sali minerali come zinco, rame, fosforo, manganese, potassio, calcio ferro e sodio.
Vi è una grande quantità di vitamine come A, B, C, E e K, oltre che un alto contenuto di acqua e di fibre
.



Il melograno è un frutto ricco di flavonoidi, antiossidanti in grado di combattere l’insorgere dei radicali liberi responsabili dei tumori, ma vi sono anche diversi tipi di acidi, tra cui l’ellagico e il gallico, la quercitina e altri principi attivi molto benefici per l’organismo umano.
Infatti è risaputo che il melograno è un ottimo rimedio per la cura del tumore al seno proprio grazie all’azione dell’acido ellagico, che è in grado di sintetizzare gli estrogeni, la cui eccessiva proliferazione potrebbe far insorgere il tumore.
oltre a ciò il melograno ha proprietà vermifughe, in grado quindi di combattere il verme solitario, un parassita che si annida e cresce nell’intestino umano e molto fastidioso.
Il succo di melograno è indicato per combattere l’aterosclerosi, in quanto i flavonoidi in esso contenuti sarebbero in grado di di proteggere il cuore dalla formazione di placche e per combattere i disturbi della menopausa.

Commenti (1)

  1. fantastiche le prerogative del melograno e i vs articoli sulla frutta
    grazie, dovremmo mangiarne sempre di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>