La dieta Weight Watchers sembra funzionare veramente

di Alessandro Bombardieri Commenta

Lo rivela una ricerca americana recente...

Un recente studio effettuato presso la Baruch University di New York ha dimostrato che la migliore dieta per perdere peso sarebbe la Weight Watchers. Questa dieta prevede un approccio molto differente rispetto a quello delle normale diete dimagranti, infatti oltre ad un bilanciamento dell’alimentazione ed all’attività fisica è prevista anche la creazione di gruppi di supporto per le persone a dieta, che possono incontrarsi e sostenersi a vicenda, scambiandosi pareri, consigli ecc..

La ricerca ha preso in esame tre diversi tipi di dieta dimagrante, ossia la Weight Watchers, una dieta ideata da un dietologo ed un mix tra le due diete, sfruttando un campione composto da 141 persone divise in tre gruppi in base alla dieta utilizzata.


I ricercatori pensavano che la migliore dieta sarebbe stata la terza, cioè quella che combinava le caratteristiche delle altre due invece a sorpresa la migliore dieta si è rivelata essere la Weight Watchers. Dopo 11 mesi le persone che hanno seguito la dieta mista hanno perso in media 3,6 kg, quelli che hanno seguito il dietologo hanno perso 5,4 kg in media ma chi ha seguito la Weight Watchers ha perso in media 5,9 chili.

DIETA DEL RISO

Inoltre anche dal punto di vista economico chi ha seguito la dieta Weight Watchers ci ha guadagnato, spendendo appena 10 dollari a settimana ed avendo accesso ad alimenti facilmente reperibili. Invece la dieta del dietologo prevedeva un costo di 35 dollari a settimana con alimenti difficilmente reperibili ovunque. Gli studiosi ritengono inoltre che la dieta Weight Watchers sia molto positiva anche dal punto di vista psicologico, perchè le persone incontrandosi tra di loro sono spinte a continuare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>