La dieta per combattere il caldo

di Vito Verna Commenta

In risposta a questo accorato appello, come spesso avverrebbe nelle più differenti e particolari situazioni di codesto tempo, il Ministero della Salute avrebbe recentemente redatto e pubblicato, sul proprio sito internet ufficiale, un agile vademecum in 10 punti, da stampare e portare sempre con sé, che in questa sede, per comodità del lettore, riportiamo integralmente.

La dieta per combattere il caldo

Il grande caldo sarebbe finalmente arrivato è, giacché si attendono, durante il weekend, vere e proprie ondate di sole, calore ed afa, che sicuramente al Sud Italia ed in tutte le principali città italiane si faranno decisamente ben percepire soprattutto dai bambini e dagli anziani, sebbene non sia affatto scontato il fatto che una tale situazione non possa coinvolgere gli adulti, molti si starebbero chiedendo, proprie in queste ultime ore lavorative prima del fine settimana e, forse, prima dell’inizio delle proprie agognate vacanze estive, come comportarsi, soprattutto dal punto di vista alimentare e nutrizionale, per combattere e, possibilmente, sconfiggere, i più devastanti effetti di questa debilitante condizione meteorologica.

PREVENIRE LE SCOTTATURE SOLARI

In risposta a questo accorato appello, come spesso avverrebbe nelle più differenti e particolari situazioni di codesto tempo, il Ministero della Salute avrebbe recentemente redatto e pubblicato, sul proprio sito internet ufficiale, un agile vademecum in 10 punti, da stampare e portare sempre con sé, che in questa sede, per comodità del lettore, riportiamo integralmente.

RIMEDI CONTRO DISTURBI ESTIVI

LA DIETA PER COMBATTERE IL CALDO

– Rispettare quotidianamente il numero e gli orari dei pasti, soprattutto la prima colazione, che deve essere privilegiata rispetto agli altri pasti.

– Aumentare il consumo di frutta e verdura di stagione e yogurt, senza tralasciare la frutta secca, ricca di grassi “buoni”, minerali e fibre, ma senza esagerare, perché è molto ricca di calorie.

– Preparare i piatti con fantasia, variando gli alimenti anche nei colori, che è dato dalle sostanze ad azione antiossidante.

– Moderare il consumo di piatti elaborati e ricchi di grassi.

– Privilegiare cibi freschi, facilmente digeribili e ricchi in acqua e completare il pasto con la frutta.

COS’È LA ROSACEA

– Consumare un gelato o un frullato può essere un’alternativa al pasto di metà giornata.

– Durante i soggiorni in albergo o in viaggio, e si mangia sempre al ristorante, a pranzo e a cena, evitare pasti completi con primo, secondo e contorno.

– Consumare poco sale e preferire sale iodato. Per chi soffre di ipertensione può essere utile consumare sale iposodico o asodico.

– Rispettare le modalità di conservazione degli alimenti. Mantenere la catena del freddo per gli alimenti che lo richiedono. Ricordare che cibi conservati a lungo in frigorifero rischiano un peggioramento nutrizionale e una contaminazione da microrganismi.

– Bere almeno 1 litro e mezzo di acqua al giorno. Moderare, invece, il consumo di bevande con zuccheri aggiunti. Limitare anche il consumo di alcol.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>