Frutta e verdure ricche di potassio, prevengono ictus e malattie cardiache

di Luca Bruno Commenta

Nuove conferme di come una dieta salutare sia di grande aiuto nel prevenire e tenere lontani i problemi di salute legati a malattie coronariche ed ictus.

banane

Durante l’ultima conferenza della Nutrition American Heart Association, tenutasi a San Francisco, due diversi studi hanno confermato come una dieta salutare sia di grande aiuto nel prevenire e tenere lontani i problemi di salute legati a malattie coronariche ed ictus.
Uno studio condotto da ricercatori italiani dell’Università di Napoli per esempio ha rilevato come mangiare in abbondanza cibi ricchi di potassio per esempio, presente in diverse verdure nelle patate e nelle banane, riduce i rischi di attacchi cardiaci, e di ictus.
La ricerca è stata il frutto di un lungo lavoro di indagine su 10 precedenti studi e ricerche pubblicati sulle riviste mediche dal 1966 al 2009. Studi che, sommando il numero dei pazienti coinvolti, prendevano in esame circa 280.000 adulti e che, nei follow-up successivi, dai cinque ai 19 anni, hanno visto oltre 5500 casi di ictus e 3100 disturbi legati a malattie coronariche.

Valutando i dati i ricercatori hanno stabilito che, tra i consumatori di alte quantità di potassio il rischio di ictus è ridotto del 19% circa, mentre il rischio di malattie coronariche si riduce di più dell’8%.

Risultati che sono in sintonia con quelli rilevati da un contemporaneo studio condotto da ricercatori olandesi della Wageningen University e presentato durante la stessa conferenza, che ha invece rilevato come diete ricche di frutta e verdura sono altamente valide per ridurre i rischi di ictus.

La ricerca olandese che ha coinvolto 20.000 uomini e donne di età compresa tra 20 e 65 anni, sani all’inizio dello studio, ha osservato come al follow-up dopo 10 anni si sono verificati attacchi di ictus su 233 pazienti.

Una volta presi in considerazione i vari fattori di rischio compresenti, i ricercatori olandesi hanno stabilito che coloro che comprendono nella propria alimentazione un grande apporto di frutta e verdura crude hanno un rischio ridotto di ictus di quasi il 36%.

Interessante notare che i ricercatori olandesi non hanno riscontrato alcuna associazione tra ictus ed apporto nutritivo di frutta e verdura nel caso di assunzione bassa o elevata di frutta e verdura lavorata industrialmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>