Escherichia Coli rimedi

di Elena Botta 2

L'Escherichia Coli è un batterio che si presenta in diverse varianti e normalmente vive nell'intestino dell'uomo e degli animali e non dà nessun tipo di fastidio

Escherichia_coli

L’escherichia coli sta terrorizzando tutta l’Europa, in quanto una partita di cetrioli infetti da questo batterio ha già mietuto dieci vittime in Germania e i casi di escherichia si stanno diffondendo a macchia d’olio in tutta Europa.
Che cos’è questo batterio e come va curato nel caso in cui lo si contrae?
L’Escherichia Coli è un batterio che si presenta in diverse varianti e normalmente vive nell’intestino dell’uomo e degli animali e non dà nessun tipo di fastidio; esistono invece alcuni ceppi che per scambio di materiale genetico, hanno acquisito la capacità di causare infezioni e dare origine a diverse forme di diarrea e vomito.



Questo batterio si prende attraverso l’assunzione di cibi o acqua contaminati ed il serbatoio di questa malattia sono i ruminanti che non si ammalano, ma lo trasmettono al latte e alla carne.
Se l’animale è portatore del ceppo patogeno, può contaminare tutti i prodotti e l’ambiente con cui entra in cotatto tramite la dispersione delle feci (come avviene per la toxoplasmosi).
Purtroppo non esiste una cura specifica, la terapia antibiotica, come per le gastroenteriti, non è di aiuto anzi, può addirittura peggiorare le situazione.
Si usano quindi terapie di supporto, come la reidratazione per la diarrea e la dialisi per arginare il danno ai reni.
L’Istituto superiore di Sanità dispone dal 1988 di un sistema di sorveglianza che costituisce il riferimento europeo per la veterinaria alimentare.
In caso di sindrome emolitico uremica il campione prelevato va al laboratorio centrale di Roma.
Attualmente non ci sono segnalazioni spospette in Italia, ma se si vogliono avere più informazioni, basta contattare il sito dell’Istituto Superiore di Sanità, dove è possibile consultare tre pagine sull’argomento.
L’indirizzo è www.iss.it e potete andarci cliccandoci sopra.

Commenti (2)

  1. Come si fa a fare prevenzione così come suggerite di lavare frutta e verdura quando l’acqa dell’acquedotto, secondo la analisi della AUSL, è all’e.coli?
    Il fenomeno riguarda un acquedotto in provincia di Messina, Gioiosa marea, dove ho casa e torno a fare vacanze. Le analisi sono del Dipartimento prevenzione e salute, ne sono in possesso e per l’anno 2010 la quantità del’e.coli è presente ed in aumento in tutte le analisi fatte a distanza di tre mesi.
    E’ possibile individuare il tipo di batterio presente nelle acque. Grazie Giuseppe Alibrandi

  2. Buongiorno, io vorrei farvi una domanda ed al quanto cretina credo ma purtroppo mi è venuta qst paura e nn sò come mandarla via. qst mattina mi trovavo in bagno, fintio di fare tt tiro l’acqua del water ed in quell’istante una goccia dell’acqua che sitrovava dentro mi schizza all’interno dell’occhio…lì per lì. nn ho fatto nulla poi mi è venuta all’improvviso una paura folle ricordando una cosa successa ad una mia vicina.
    La domanda è: possibile che quell’acqua sia contaminata visto che all’intenro c’erano delle feci e che possa aver contratto dei batteri molto pericolosi? e che quest’ultimi possano insidiarsi nel mio corpo provocando infezioni??
    IO MI SCUSA DAVVEOR PER LA STUPIDA DOMANDA MA PURTROPPO SONO MOOOOOLTO PAUROSA ED A VOLTE CREDO CHE DIVENTI ANCHE MOLTO FANTASIOSA!! IO VI RINGRAZIO E MI SCUSO DI NUOVO
    spero mi vorriate rispondere un saluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>