Come evitare il contagio dell’epatite A

di Fabiana Commenta

Dagli esperti dell’Aigo, i consigli per evitare il contagio dell’epatite A

cocktail from seafood

A riportare l’attenzione sul ritorno in Europa dell’epatite A, sono stati i frutti di bosco congelati e arrivati anche sulla tavole italiane anche se in realtà l’epatite può essere trasmessa anche da una serie di altri alimenti come ad esempio le fragole, i pomodori secchi, il pesce o i crostacei.

Colpisce il fegato e in Italia è diffusa soprattutto nelle zone meridionali dove tradizionalmente si consumano anche frutti di mare crudi.

Le epidemie che possono presentarsi a livello nazionale possono però essere legate anche alla presenza di altri alimenti contaminati: il contagio infatti avviene direttamente da persona a persona e proprio attraverso il consumo di acqua o alimenti già contaminati.

 

Secondo i dati diffusi dall’Organizzazione mondiale della sanità, l’epatite A colpisce quasi un milione e mezzo di persone nel mondo, ma dagli esperti dell’Aigo, l’Associazione italiana gastroenterologi ed endoscopisti ospedalieri, arrivano una serie di semplici regole da seguire per poter prevenire il contagio.

 

EPATITE A TORNA IN ITALIA ATTRAVERSO I FRUTTI DI BOSCO SURGELATI

 

Innanzitutto è assolutamente necessario non consumare cibi crudi: la cottura è fondamentale per poter eliminare il virus e i batteri.

Quindi, mai consumare frutti di mare crudi. 

Le verdure vanno lavate con estrema attenzione prima di essere portate in tavola, lavandole anche con il bicarbonato.

Anche la frutta va sbucciata e lavata prima di essere consumata.

Attenzione anche all’acqua: mai bere quella del pozzo. 

Non sottovalutare mai l’igiene personale e soprattutto delle mani: le mani vanno lavate sempre dopo aver usato il bagno, dopo aver cambiato un pannolino o un assorbente, prima di preparare il cibo da mangiare e prima d mangiare.

Da rispettare scrupolosamente le norme di igiene nel momento in cui si vanno a preparare cibi e bevande.

Poche semplici regole che possono aiutare nelle prevenzione del contagio dell’epatite A, ma non solo. Si tratta infatti di regola che valgono anche per la prevenzione delle malattie a trasmissione oro-fecale che includono anche il colera, il tifo e le enteriti legate in tal caso alla cattiva conservazione e alla scarsa attenzione alla preparazione dei cibi.

 

 

Foto Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>