Come combattere la disidratazione degli occhi

di Vito Verna Commenta

La più immediata soluzione al problema, specialmente nel caso in cui si comincino ad osservare miodesopsie, è data dall'alimentazione che, nel caso oggi alla nostra attenzione, dovrebbe sicuramente prevedere l'aumento del consumo di acqua, vitamine, frutta e verdura.

Come combattere la disidratazione degli occhi

Nonostante quest’evenienza sia rara e, purtroppo, ben poco conosciuta ai più, il disseccamento oculare non solamente è tranquillamente possibile, specialmente in questo periodo così caratterizzato da successive e ripetute ondate di caldo e di sole, bensì anche, e soprattutto, decisamente pericoloso.

SISTEMA HI-TECH DI AUTODIAGNOSI

La disidratazione degli occhi, nel caso in cui non venga affrontata e fronteggiata nel migliore dei modi possibili, potrebbe infatti avere sgraditissime conseguenza che, in taluni particolari soggetti, potrebbero portare allo sviluppo di vere e proprie patologie cliniche assolutamente debilitanti per l’occhio e, dunque, per vista stessa dell’individuo.

CONTROINDICAZIONI PRODOTTI NATURALI

Le persone anziane e le persone miopi in particolar modo, qualora non prestino la dovuta attenzione a codesto importante problema, potrebbero infatti rischiare sia il distaccamento del corpo o umore vitreo (ovverosia, come forse saprete, la massa gelatinosa posta all’interno del globo oculare) che della retina (ovverosia la membrana sensibile alle radiazioni luminose e, dunque, responsabile più di ogni altra struttura oculare, della vista).

DIGIUNARE PER PROTEGGERE IL CERVELLO

La più immediata soluzione al problema, specialmente nel caso in cui si comincino ad osservare miodesopsie, è data dall’alimentazione che, nel caso oggi alla nostra attenzione, dovrebbe sicuramente prevedere l’aumento del consumo di acqua, vitamine, frutta e verdura.

Inoltre, da non trascurare assolutamente, i possibili effetti collaterali della costante esposizione degli occhi all’aria climatizzata così spiegati dal Direttore dell’Ospedale Oftalmico di Roma Ciro Tamburelli: “In estate poi c’ e’ una maggiore esposizione all’aria condizionata, con conseguente senso di fastidio e di presenza di un corpo estraneo nell’occhio, stiamo magari al pc con i condizionatori accesi, oppure in macchina, e tutto ciò può  in qualche caso portare a sviluppare delle congiuntiviti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>