Cioccolato benefico per l’ictus?

di Luca Bruno Commenta

Considerazioni riguardo agli effetti benefici del cioccolato fondente per quanto riguarda la prevenzione dell'ictus.

cioccolato

Sarà per l’occasione della festa di San Valentino che Healthfinder.gov pubblica un articolo che approfondisce recenti considerazioni riguardo agli effetti benefici del cioccolato fondente per quanto riguarda la prevenzione dell’ictus.
Prossimamente per esempio i ricercatori della Stroke Research Unit presso il St. Michael’s Hospital di Toronto presenteranno al meeting annuale della Academy of Neurology i risultati di una loro revisione di tre recenti studi in merito.

Gli studi sul rapporto tra consumo di cioccolato ed ictus presi in esame hanno dato risultati contrastanti, tali da non poter ad oggi fornire una chiara valutazione sui benefici del cioccolato per prevenire l’ictus. Uno dei tre studi infatti non ha scoperto alcuna associazione significativa, mentre un altro ha rilevato che il tasso di ictus è risultato più basso del 22% nelle persone che consumavano cioccolato almeno tre volte alla settimana, ed un terzo studio ha invece rilevato che con 50 grammi di cioccolato mangiati in una settimana il tasso di ictus si riduce del 46%.

Il beneficio per la salute, suggeriscono i ricercatori, potrebbe provenire dagli antiossidanti presenti nell’alimento, denominati flavonoidi.

Le ricerche contraddittorie e sensibilmente differenti dei risultati non possono dunque al momento fornire indicazioni sufficienti per poter con certezza affermare che il cioccolato offre una protezione contro l’ictus efficace.

Inoltre i presunti benefici del cioccolato sull’ictus, potrebbero trovare una confutazione nelle posizioni dei dietisti, che non sono così convinti che si possa affermare con certezza che il cioccolato sia effettivamente un alimento salutare.
Anche tra dietisti e nutrizionisti comunque il ventaglio delle posizioni è alquanto ampio.

La Dott. Katie Clark, per esempio, che lavora come assistente clinico presso l’Università della California, mette in guardia da facili e superficiali certezze: ricerche in merito hanno infatti determinato che il consumo di cioccolata è associato ad elevati livelli di colesterolo cattivo, un conosciuto fattore di rischio per le malattie cardiache.

Keith-Thomas Ayoob, nutrizionista e professore associato presso Albert Einstein College of Medicine di New York afferma in merito che invece il cioccolato può avere i suoi vantaggi, aiutando a ridurre la pressione sanguigna ed aumentando il flusso di sangue nelle arterie, fattori benefici per tenere lontane le malattie cardiache.

Fino a quando i ricercatori non saranno in grado di fornire in merito dati più certi, la precauzione potrebbe essere quella di consumare sì cioccolato, ma con la dovuta moderazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>