Cibi afrodisiaci non stimolano la sessualità

di Fabiana Commenta

Cioccolato, ostriche e mandorle stimolano la sessualità? Secondo un recente studio i cosiddetti cibi afrodisiaci non avrebbero nulla a che fare con la sessualità

San Valentino si avvicina e già avete in mente un tete e a tete romantico a lume di candela.

In tal caso anche quasi certamente anche organizzato con cura il menù scegliendo i classici cibi afrodisiaci. Ostriche, cioccolato, mandorle, uova, avocado, fichi o banane, sono solo alcuni dei cibi che avrebbero potenzialità afrodisiache e che di conseguenza stimolerebbero la sessualità e l’appetito sessuale.

Assolutamente falso.

 

A sfatare il mito di questi alimenti ci pensa la dottoressa Linda Yarrow, professore di Nutrizione Umana all’university’s College of Human Ecology dell’Università Statale del Kansas (KSU) che sostiene che i cibi afrodisiaci non influenzano in alcun modo la sessualità anche se è innegabile che possono essere gustosi e ovviamente salutari da un punto di vista nutrizionale. A sfatare il mito dei cibi afrodisiaci concorre anche la FDA americana (Food and Drug Administration) secondo cui non esiste alcuna relazione fra le proprietà afrodisiache di alcuni cibi e la sessualità.

 

PISTACCHI EFFETTI BENEFICI SUL CUORE E SULLA SESSUALITA’

Secondo la Yarrowin realtà le proprietà afrodisiache di questi cibi sarebbero più dovute a un effetto placebo, per dirla in altre parole a una sorta di suggestione che finisce per avere davvero effetto, che non a una reale evidenza scientifica. Innegabile però che i presunti cibi afrodisiaci hanno ottime proprietà benefiche sulla nostra salute.

Molti i buoni motivi per mangiare cioccolato, simbolo per eccellenza di San Valentino, è ricco di antiossidanti (i flavanoli) e offre effetti benefici sulla salute del cuore e sull’apparato cardiovascolare, ma attenzione perché è molto calorico.

Anche le ostriche fanno bene alla salute visto che sono ricche di zinco, ferro e calcio, elementi che aiutano a mantenere sano il sistema immunitario, a prevenire l’anemia, a rendere più forti le ossa. Le mandorle sono ricche di proteine vegetali, di vitamina E, di fibre e di magnesio e riducono rischio di cancro, così come i fichi, ricchi di antiossidanti, calcio e di fibre.

 

 

 

Foto Thinkstock

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>