Cereali della prima colazione: sono davvero così salutari?

di Luca Bruno Commenta

I cereali sono consigliati per una buona e sana prima colazione, ma spesso quelli prodotti industrialmente non sono in effetti così salutari.

cereali

L’azienda alimentare Kellogg, conosciuta soprattutto per la produzione di cereali da prima colazione è stata nuovamente criticata dalla Food and Drug Administration statunitense, il massimo organismo di controllo sugli alimenti nella nazione americana, per aver fornito ai suoi consumatori informazioni falsate sull’apporto nutritivo di uno dei prodotti di punta dell’azienda, i Rice Crispies.
La pubblicità presente sulle confezioni sul fatto che questo sia un cibo salutare per i bambini non sarebbe scientificamente provata.

Da tempo i cereali sono tra gli alimenti più indicati e preferiti per la prima colazione, ma spesso i consumatori sono tratti in inganno su quanto essi in effetti siano salutari, soprattutto se si tratta di prodotti derivati dalla produzione industriale.

Uno studio pubblicato all’inizio di quest’anno e realizzato dal Rudd Center for Food Policy and Obesity presso la Yale University, aveva dimostrato che nei cereali confezionati industrialmente zuccheri (più 85%) e sodio (60%) sono presenti in misura superiore al necessario, mentre le fibre, ovvero l’apporto più salutare, sono ridotte di circa il 60%.

Senza contare la quantità superflua di calorie che questi prodotti potrebbero fornire.

A ciò si deve aggiungere che spesso le porzioni sono doppie rispetto al dovuto, il che fa sì che una colazione apparentemente salutare si trasforma in una pericolosa bomba calorica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>