Come affrontare un amore finito

di Elena Botta Commenta

Prima o poi capita a tutti di essere lasciati da un fidanzato o una fidanzata ed è talmente devastante che se non viene affrontato nella maniera corretta è facile cadere in depressione, ansia e finire a soffrire di attacchi di panico

y1pK9-YEA_hPmVG0zX8BwwQ9g4AOWSYlrwGYwEjNG5-dKjXaDx2t1ttPf2KuhiKVK2iYR6fJdDGbvQ[3]

Prima o poi capita a tutti di essere lasciati da un fidanzato o una fidanzata ed è talmente devastante che se non viene affrontato nella maniera corretta è facile cadere in depressione, ansia e finire a soffrire di attacchi di panico.
Quando avvengono questi fatti, non importa se la relazione durava da tanto o poco tempo, si sta male e bisogna mettere in atto strategie per riuscire ad uscire dal tunnel il prima possibile.
Prima cosa mettere nero su bianco i pregi ed i difetti del partner in modo da chiarirsi meglio le idee e scrivere anche quali sono i motivi per i quali vi ha lasciato.



Secondo step, buttare via tutte le foto del partner in modo da riuscire a sfogare la rabbia in modo positivo; se siete dei lettori, cambiare genere in modo da dare una svolta alla vostra vita.
Cercare di farsi dei regali, soprattutto di cose che quando si era in coppia non si poteva fare: per le donne ad esempio, una seduta di massaggi, un nuovo vestito, un taglio di capelli; per gli uomini invece, organizzate partite di calcetto con gli amici o scontri alla playstation all’ultimo sangue.
Poi è importante non restare mai da soli, ma non nel senso di buttarvi in un’altra storia, ma nel senso di circondarvi di persone che vi vogliono bene.
Ma soprattutto, credete in voi stessi, convincetevi che la cosa più bella e meravigliosa che ci sia al mondo è la vostra vita e che mai nessuno potrà rendervi felici quanto voi stessi.
Non è un discorso pessimista, ma è assolutamente il contrario: avere la consapevolezza che tutto è dentro di voi e che soprattutto la felicità risiede proprio dentro il vostro cuore è un modo ottimista e gioioso per affrontare la vita.
Ricordatevi che il rapporto di coppia consiste in un cammino in cui due persone si tengono per mano e guardano ognuna davanti a sè e non negli occhi; questo perchè si è uniti nel cammino della vita, ma ognuno segue il proprio cammino senza farsi trascinare dall’altro.
Poi, davvero, abbiate fiducia che l’inverno si trasforma sempre in primavera e che più buia è la notte, più vicina è l’alba, parole del maestro giapponese e leader di pace mondiale Daisaku Ikeda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>