Uomini più bravi delle donne nel multitasking

di Vito Verna Commenta

Le donne non sono brave nel multitasking. Non che non lo facciano costantemente, se non addirittura quotidianamente, poiché costrette, sia dalla vita lavorativa che dalla vita privata, ad incastrare quanti più impegni possibili nel minor tempo possibile. E non che non vi riescano, naturalmente, che già in numerose occasione sarebbero state definite quali vere e proprie regine del multitasking. Il fatto è che vi riuscirebbero in maniera meno brillante e meno efficace rispetto agli uomini.

Uomini più bravi delle donne nel multitasking

Le donne non sono brave nel multitasking.

IL FAST FOOD INFLUISCE SUL QUOZIENTE DI INTELLIGENZA

Non che non lo facciano costantemente, se non addirittura quotidianamente, poiché costrette, sia dalla vita lavorativa che dalla vita privata, ad incastrare quanti più impegni possibili nel minor tempo possibile.

ANSIA E DEPRESSIONE SONO MALATTIE GLOBALI

E non che non vi riescano, naturalmente, che già in numerose occasione sarebbero state definite quali vere e proprie regine del multitasking.

INDIVIDUATO IL GENE MAOA DELLA FELICITA’

Il fatto è che vi riuscirebbero in maniera meno brillante e meno efficace rispetto agli uomini.

A sfatare un mito ormai consolidato nell’immaginario collettivo gli esperti ricercatori svedesi dell’Università di Stoccolma che, grazie ad un’accurata sperimentazione scientifica, sarebbero riusciti a dimostrare che gli uomini, grazie ad una migliore e più completa gestione della dimensione spazio – temporale, sarebbero in grado di portare a compimento contemporaneamente, con un numero di errori decisamente irrisorio, un numero di azioni e compiti sicuramente superiore a quello delle donne.

In particolar modo, stando a quanto rivelato alla rivista scientifica Psychological Science dai responsabili del programma di ricerca oggi alla nostra attenzione,  gli uomini partecipanti all’esperimento avrebbero risposto con maggior prontezza, velocità, correttezza ed abilità nell’eseguire le azioni richieste (consistenti nel tenere d’occhio tre differenti cronometri, da bloccare in tre diversi momenti, ed uno schermo digitale sul quale individuare determinati caratteri alfanumerici all’interno delle più differenti stringhe di caratteri alfanumerici) dimostrando una maggiore abilità nel ricordare le cose e nel continuo aggiornamento della propria mente sullo stato di avanzamento dei propri compiti.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>