Tanoressia in aumento in Italia

di Alessandro Bombardieri Commenta

Abbronzatura-pericolosa_h_partb

Arriva da uno studio condotto dal prof. Giuseppe Monfrecola, Direttore della Scuola di Specializzazione in Dermatologia e Venereologia della Facoltà di Medicina e Chirurgia e dalla dott.ssa Gabriella Fabbrocini, docente di dermatologia e venereologia presso l’Università di Napoli Federico II, l’allarme tanoressia per il nostro Paese.


I risultati dello studio, pubblicati su Photodermatology, Photoimmunology & Photomedicine, indicano chiaramente che in Italia c’è poca conoscenza riguardo ai rischi di un’esposizione scorretta ai raggi solari o ai lettini abbronzanti, che sono ancora peggio.

Lo studio ha preso in esame 191 studenti di un liceo di Napoli di età compresa tra i 16 e 19 anni, mostrando che il 17% dei ragazzi non ritiene pericolosa l’esposizione al Sole, mentre il 35% non è assolutamente a conoscenza dei rischi legati all’uso di lettini solari. Come evidenziato dalla dottoressa Fabbrocini si tratta di risultati molto preoccupanti, a conferma del fatto che la tanoressia sta aumentando notevolmente in Italia, in particolare tra i più giovani.

ALIMENTI PER ABBRONZARSI

Come spiegato dalla dottoressa, per preparare la pelle all’esposizione solare dopo i mesi invernali, bisogna seguire la regola di pulire, tonificare e idratare. Eseguendo queste operazioni la pelle si troverà nello stato ideale per accogliere i raggi sani e proteggersi da quelli dannosi come i raggi UVA, i quali sono responsabili del foto invecchiamento, di allergie solari e nei casi più gravi dei tumori della pelle.

Chi ha pelli miste e acneiche rischia l’effetto denominato rebound, cioè di avere una situazione peggiore rispetto a quella iniziale. In casi come questo bisogna adoperare una protezione solare adatta che agisca sull’ispessimento eccessivo dello strato corneale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>