Sfatati 5 miti sullo stress

di Alessandro Bombardieri Commenta

La dottoressa Dana Becker, professoressa di Social Work al Bryn Mawr College, ha pubblicato un libro dal titolo “One Nation Under Stress: The Trouble With Stress as an Idea”, abbinato ad un intervento sul Washington Post in cui vengono sfatati alcuni miti legati allo stress.


Secondo quanto sostenuto dalla dottoressa, alcune idee errate sullo stress possono influire in modo negativo sui suoi effetti e sulla sua gestione. Vediamo quindi quali sono 5 miti confutati sullo stress.

Dormire il giusto, fare attività fisica e seguire una dieta corretta per ridurre lo stress – La dottoressa sostiene che questi accorgimenti non miglioreranno per forza lo stress, se non si individua la vera causa.

Lo stress rende le persone più vulnerabili alle malattie – Al contrario di quanto si crede, il sistema immunitario è molto flessibile e capace di gestire anche quantità abbastanza grandi di stress, senza contraccolpi negativi. Lo stress può produrre cambiamenti importanti nel sistema immunitario senza però portare ad ammalarsi.

ORMONE DELLO STRESS

Stress post-traumatico – A differenza della credenza comune, la maggior parte delle persone che hanno vissuto eventi traumatici non sviluppa un disturbo post-traumatico da stress (PTSD), la prevalenza media di PTSD è compresa tra il 6,8% e il 7,8%.

Differenze tra sessi – È vero che le donne e gli uomini si comportano in maniera diversa quando sono sotto stress però non equivale a dire che uomini e donne hanno differenti risposte ormonali.

Gestione stress donne – Si crede che se le donne imparano a gestire meglio lo stress, saranno in grado di risolvere i conflitti tra lavoro e famiglia, ma secondo quanto sostenuto dagli esperti il lavoro e la famiglia non sono per forza di cose in conflitto, ma casomai lo sono il lavoro e le politiche sul lavoro, il lavoro e le limitate possibilità nella cura dei figli. Gli esperti sostengono che bisognerebbe smettere di trattare lo stress come il problema da risolvere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>