Ottimismo e salute, un binomio vincente

di Elena Botta Commenta

Con l' ottimismo si guarisce più velocemente

salute

L’ effetto placebo è conosciuto come quel fenomeno che induce alla guarigione soltanto con la convinzione che la cura sia efficace anche se il medicinale somministrato è inattivo.
Questo è solo un piccolo esempio di ciò che può creare la mente umana in alcuni processi di guarigione e sicuramente un atteggiamento positivo nei confronti di una malattia aiuta a vincerla velocemente.
Il termine placebo deriva dal latino e significa io piacerò e il termine proviene dalle funzioni funebri medievali in cui si recitava ” placebo Domino in regione vivorum ” ossia piacerò a Dio nella terra dei vivi.



Quando viene riscontrata una malattia di qualsiasi tipo, il paziente tende a preoccuparsi e a raffrontarsi con la paura e l’ansia, successivamente però subentra una sorta di accettazione da parte del malato il quale, in modo molto personale ed intimo elabora una propria capacità di adattamento al suddetto problema.
E’ stato riscontrato però che chi si atteggia in modo positivo ha la possibilità di affrontare la problematica in modo migliore e quindi a sconfiggere la malattia molto più velocemente.
Il pensare di essere più sfortunati di altri non porta a risultati positivi, bensì l’accettazione e la consapevolezza associati alla fiducia nelle cure scelte porta ad avvertire un senso di benessere, che attiva all’interno del cervello delle sostanze molto simili alla morfina ( le endorfine ) che aiutano a ridurre il dolore.
Al contrario, la depressione e la sfiducia attivano le colecistochinine che bloccano il senso di benessere e generano uno stato di ansia che non induce ad una guarigione.
Pensare positivo quindi è fondamentale per riuscire a superare i problemi perchè in primis serve a vedere l’ostacolo sotto un’altra angolazione e poi perchè l’ottimismo è fonte di salute e benessere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>