Nintendo Wii e salute

di Elena Botta Commenta

Ormai da qualche anno la Wii è entrata di prepotenza nelle case di molti italiani e sembra avere degli aspetti molto salutari sul fisico e sulla mente perchè porta le persone che la utilizzano a fare movimento e a divertirsi.

wii

Ormai da qualche anno la Wii è entrata di prepotenza nelle case di molti italiani e sembra avere degli aspetti molto salutari sul fisico e sulla mente perchè porta le persone che la utilizzano a fare movimento e a divertirsi.
Dopo Facebook che può provocare problemi psicologici che possono addirittura sfociare in attacchi d’ansia o peggio, in veri e propri attacchi di panico, dopo internet che ha creato una forte dipendenza in alcune persone che non riescono assolutamente a farne a meno, fino a sfociare in una vera e propria mania, oggi, finalmente con la Nintendo Wii è stato creato un qualcosa che apporta benefici sia mentali che fisici.



Dalla sua introduzione sul mercato sono passati quattro anni ed è diventata la consolle più venduta dall’era della tecnologia scatenando l’entusiasmo di bambini e adulti.
Alcuni ricercatori americani hanno esaminato il legame tra alcuni movimenti caratteristici del videogame e ciò che possono evocare a livello cerebrale.
Pare che alcuni movimenti generano socialità oppure scaricano l’aggressività, provocando in chi gioca delle sensazioni di benessere in tutto il corpo.
In più, questa nuova tipologia di gioco aiuta molto a bruciare calorie e quindi a fare un allenamento aerobico stimolando così a livello cerebrale le endorfine che, una volta rilasciate, danno una sensazione di benessere.
In più, i movimenti che vengono generati nei diversi giochi, oltre che essere molto divertenti, apportano felicità perchè scatenano delle reazioni cerebrali che sviluppano gioia ed appagamento.
Quindi per questa volta i medici non sono contrari all’uso dei videogiochi ma, al contrario, invogliano le persone ad utilizzarli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>