Nefrite o malattia di Bright

di Elena Botta Commenta

La nefrite è causata da batteri che provengono dalle feci che entrano in contatto con l’orifizio urinario a causa di una pulizia errata nell'igiene intima.

Abbiamo detto che oggi è il 189esimo anniversario della nascita di Gregor Mendel e Google per celebrare l’evento gli ha dedicato un Google Doodle.


Mendel è morto nel 1884 a causa di una nefrite, detta anche malattia di Bright che è una patologia che colpisce i reni.
La nefrite è un’infiammazione di uno o di entrambi i reni; la forma più comune è la La nefrite è causata da batteri che provengono dalle feci che entrano in contatto con l’orifizio urinario a causa di una pulizia errata nell’igiene intima. che si può manifestare durante l’infanzia o la gravidanza, ma ne esiste anche una varietà di nefrite ereditaria.

La nefrite è causata da batteri che provengono dalle feci che entrano in contatto con l’orifizio urinario a causa di una pulizia errata nell’igiene intima.
Avviene così che i batteri salgano all’interno della vescica e successivamente nei reni.

La glomerulonefrite è un’altra forma di nefrite, causata da batteri streptococchici, che insorge a seguito di un’infezione della gola, mentre vi sono altre infezioni, come quella delle valvole cardiache, e alcuni tipi di farmaci che ne possono causare un altro tipo.

I sintomi della nefrite possono non manifestarsi, oppure presentarsi con albumina e sangue nelle urine, stanchezza, dolore alla schiena nella parte in basso, febbre, brividi, cefalea, edema, nausea e vomito, perdita dell’appetito e bisogno frequente di recarsi al bagno; nei casi più gravi invece la nefrite può essere accompagnata da anemia e ipertensione.

La cura si basa generalmente sull’assunzione di almeno due litri di liquidi al giorno, mentre la vitamina A permette un miglioramento del funzionamento renale; la vitamina E in vece serve a proteggere i reni dalle sostanze tossiche, a prevenire le cicatrici e aumentare il flusso di urina. Mentre l’assunzione di zinco serve per reintegrare il minerale che l’albumina elimina con l’urina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>