Marijuana per prevenire danni al cervello

di Alessandro Bombardieri Commenta

marijuana-tourism.jpeg3-1280x960

Un recente studio condotto dai ricercatori israeliani dell’Università di Tel Aviv, ha scoperto che basse dosi di THC (il componente psicoattivo presente nella marijuana) possono proteggere il cervello dai danni causati da lesioni, mancanza di ossigenazione, convulsioni, tossicità da farmaci e così via.


Secondo quanto affermato dai risultati di questo studio (pubblicati sulla rivista Behavioural Brain Research and Experimental Brain Research), dosi molto basse di questo principio attivo possono essere utilizzate con effetti positivi, in particolare si parla di dosi inferiori di circa 1.000/10.000 volte quelle contenute in uno spinello, con tempi che vanno da uno a sette giorni prima della potenziale lesione, e da uno a tre giorni dopo la comparsa.

Il dottor Yosef Sarne della Tel Aviv University’s Adelson Center for the Biology of Addictive Diseases alla Sackler Faculty of Medicine e colleghi hanno affermato che questo trattamento può essere usato in molti casi di lesioni cerebrali, con risultati certi nel tempo. I primi test effettuati dagli esperti hanno mostrato un importante impatto sulla segnalazione cellulare, prevenendo la morte delle cellule e promuovendo fattori di crescita.

MARIJUANA RIDUCE IL RISCHIO DIABETE

Lo studio effettuato sul modello animale ha mostrato che c’era una migliore risposta nei test comportamentali, cognitivi, di apprendimento e di memoria a 3-7 settimane dopo il trauma nel gruppo trattato con THC dopo aver subito delle lesioni cerebrali, rispetto al gruppo di controllo non trattato con THC. Nel gruppo trattato con THC inoltre è stato registrato un aumento della presenza di sostanze chimiche neuroprotettive. Secondo il dottor Sarne, questo trattamento potrebbe essere utile anche per prevenire lesioni che possono verificarsi nel futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>