Mangiare uva contro l’insufficienza cardiaca

di Alessandro Bombardieri Commenta

uva-nera6

Secondo uno studio sovvenzionato dal National Institutes of Health (NIH) e portato avanti dai ricercatori dell’Università del Michigan Health System, contro l’insufficienza cardiaca sarebbe molto utile mangiare uva.


L’insufficienza cardiaca porta ad un ispessimento e irrigidimento del cuore, il quale non riesce più a riempirsi e pompare sangue come dovrebbe. La ricerca condotta negli States ha confermato che l’uva è una naturale fonte di antiossidanti come i polifenoli, che sono i responsabili dei benefici apportati al cuore e al sistema cardiaco. I ricercatori sostengono che queste sostanze vanno ad influenzare l’attività di geni e i percorsi metabolici che migliorano i livelli di glutatione (o GSH), cioè il tripeptide o antiossidante cellulare con la maggiore presenza nel cuore.

Secondo gli esperti lo stress ossidativo è legato all’insufficienza cardiaca, infatti è stata osservata una deficienza di glutatione in occasione di un’insufficienza cardiaca. Inoltre una dieta ricca di sostanze antiossidanti (derivate da frutta e verdura) è stata legata ad una riduzione dell’ipertensione.

BUCO NEL CUORE

I risultati di questo recente studio sono stati pubblicati sul Journal of Nutritional Biochemistry, è stato condotto su un gruppo di topi con ipertensione e insufficienza cardiaca. Per 18 settimane i topi sono stati nutriti con una dieta arricchita da acini d’uva. I risultati hanno mostrato che mangiando uva si è ridotto il volume del cuore, così come la fibrosi ed è stata migliorata la funzione diastolica del cuore. Secondo gli esperti l’uva ha agito nella promozione dell’attività di difesa antiossidante da parte dei geni che aumentano la produzione di glutatione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>