Malattia di Parkinson associata all’esposizione a pesticidi, insetticidi e diserbanti

di Alessandro Bombardieri Commenta

FitofarmaciTrattore

Secondo quanto emerso da uno studio revisionale su oltre 100 ricerche, condotto dagli scienziati della Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia in collaborazione con il Centro Parkinson – Istituti Clinici di Perfezionamento (ICP) di Milano coordinato dal dottor Gianni Pezzoli, la malattia di Parkinson potrebbe essere associata all’esposizione a pesticidi, diserbanti e insetticidi.


Durante la ricerca sono stati presi in esame 104 studi che hanno esaminato il legame tra l’esposizione a pesticidi, diserbanti, insetticidi, solventi e il rischio di sviluppare la malattia di Parkinson, con particolare riferimento a chi lavora in agricoltura e quindi è più esposto a questi prodotti. Sono stati comunque inclusi nella ricerca anche i soggetti che vivono in campagna e quindi vicino a queste sostanze, così come i soggetti che lavorano nelle vicinanze di campi e bevono acqua potabile di rubinetto.

PREVENIRE IL PARKINSON CON I FRUTTI DI BOSCO

I risultati della ricerca, pubblicati sulla rivista Neurology, hanno mostrato che una continua esposizione a queste sostanze tossiche ha aumentato il rischio di sviluppare la malattia di Parkinson dal 33% all’80%. In diversi casi inoltre l’esposizione a determinati pesticidi è stata associata al doppio di rischio di sviluppare la malattia.

Come affermato dal dottor Emanuele Cereda, principale autore dello studio, non è stato studiato se il tipo di esposizione abbia influenzato il rischio di Parkinson, comunque lo studio suggerisce che il rischio cresce in maniera dose-risposta così come il tempo di esposizione a questi di sostanze chimiche aumenta. Questa ricerca deve sicuramente far riflettere, ma non dubitiamo che arriveranno altri studi in merito più avanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>