Lesbismo quale vera e propria malattia

di Vito Verna Commenta

Peccato che nessuno dei due si sia accorto che dalla succitata classificazione mancasse, quale causa di morbosità, il lesbismo egodistonico

Lesbismo quale vera e propria malattia

Tutte le lesbiche italiane sono malate.

Di quale malattia, naturalmente, non sarebbe ancora dato saperlo.

L’ALCOL AUMENTA IL RISCHIO DI CANCRO AL SENO

Bisognerebbe chiederlo, come confermato in questi giorni dal Ministero della Salute, agli ex ministri del su indicato dicastero Livia  Turco, del Partito Democratico, e Fabio Fazio, del Popolo della Libertà.

OMEGA 3 PER COMBATTERE LA STANCHEZZA DEL CANCRO

Questi ultimi, infatti, sarebbero stati, rispettivamente nel 2007 e nel 2009, redattore e revisore della versione italiana della nona revisione dell’International Statistical Classification of Diseases, Injuries and Causes of Death, comunemente detto International Classification of Diseases o, più semplicemente ICD.

THE LANCET CONFERMA ATTIVITA’ ANTITUMORALE DELL’ASPIRINA

Peccato, però e purtroppo, che nessuno dei due si sia accorto, probabilmente a causa di un banale errore di trascrizione piuttosto che di traduzione, che dalla succitata classificazione, stilata ed approvata addirittura nel 1975 a Ginevra, modificata nel 1979 (ICD9-CM) e ratificata dall’Italia, nella propria versione preliminare, nel 1993 e, nella propria versione finale, nel 1997, mancasse, quale causa di morbosità, il lesbismo egodistonico (poiché non sarebbe in sintonia con le presunte pulsioni sessuali dell’ego del soggetto).

La gaffe, purtroppo, evidenzierebbe sia l’incompetenza burocratica della Pubblica Amministrazione italiana, che nel caso in questione parrebbe veramente aver compiuto un acritico ed incontrollato compia ed incolla, sia l’arretratezza del Sistema Sanitario Nazionale.

Nonostante l’Unione Europea, e con essa tutti i più importanti ed evoluti Paesi membri dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, abbia ormai da tempo ratificato, addirittura nel 1994, la decima versione della International Classification of Diseases, redatta ed approvata, naturalmente sempre a Ginevra, nel lontano 1990, l’Italia, come poc’anzi anticipato, sarebbe ancora dal 1997, fatto salvo il disastroso aggiornamento del 2007 – 2009, alla seconda versione della nona revisione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>