Iniezioni di Botox aumentano la probabilità di depressione

di Alessandro Bombardieri Commenta

Secondo le ultime ricerche dello psicologo dell’Università di Cardiff, il dottor Michael Lewis, le iniezioni di botox nel viso per migliorare il proprio aspetto sono pericolose e possono aumentare la probabilità di depressione.


Come sottolineato dal dottor Lewis le espressioni del volto sono anche direttamente collegate alle emozioni che proviamo, infatti è risaputo per esempio che sorridere anche senza alcun motivo ha un impatto positivo sull’umore. Lo psicologo ha spiegato che si sorride quando si è felici, ma l’azione stessa del sorridere ci fa diventare più felici.

Al contrario l’utilizzo del Botox sul viso congela le espressioni del viso, in questo modo i muscoli sono bloccati e non riescono più ad inviare le giuste informazioni al cervello, ed una mancanza di impulsi positivi da sorriso può portare a malumore e depressione. È stato svolto un test su 25 donne che si sono sottoposte a un trattamento con iniezioni di Botox per trattare le rughe del viso, ed al termine del test alle donne è stato chiesto di compilare un questionario.

BOTOX CONTRO IL MORBO DI PARKINSON

Secondo quanto emerso dalle risposte al questionario, le donne che si erano sottoposte a interventi di iniezione di tossina botulinica per eliminare le zampe di gallina avevano livelli di depressione del 50% superiori rispetto alle donne che avevano solamente eliminato le rughe verticali. Il consiglio degli esperti è quindi quello di non esagerare, mantenendo comunque una certa elasticità e facilità di espressione.

Qualche piccolo intervento per migliorare il proprio aspetto può anche ridurre la rabbia e aumentare la sensazione di benessere, come rivelato proprio da uno studio precedente del dottor Lewis, ma non bisogna mai esagerare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>