Il tè verde potrebbe curare il neuroblastoma

di Alessandro Bombardieri Commenta

te-verde-dieta-2-622x466

Potrebbe arrivare dal tè verde una cura per il neuroblastoma, un tumore neuroendocrino maligno embrionario caratteristico del bambino, che deriva da cellule della cresta neurale, da cui fisiologicamente prendono origine la midollare del surrene ed i gangli del sistema nervoso e simpatico.


Un nuovo studio effettuato dai ricercatori australiani coordinati dall’oncologo dottor Orazio Vittorio, ha scoperto che la catechina (molecola antiossidante presente nel tè) può uccidere la metà delle cellule cancerogene del neuroblastoma in appena 3 giorni. Durante il the Kid’s Cancer Project Award del NSW Premier’s Awards for Outstanding Cancer Research, al dottore e al suo team sono stati accordati 25.000 dollari australiani per poter continuare gli studi e sviluppare potenziali trattamenti che potrebbero salvare la vita di molti bambini.

TÈ MATCHA

Come indicato da diversi studi, la catechina estratta dal tè è un trattamento promettente contro il cancro ma la sua efficacia è limitata data l’instabilità che mostra una volta nell’organismo umano. Proprio per tale motivo gli esperti hanno lavorato per creare una catechina più stabile, la quale si è dimostrata efficace nel distruggere il tumore nei test condotti finora in laboratorio. Come sottolineato dai ricercatori, questa formula è efficace nell’uccidere le cellule tumorali del neuroblastoma resistenti alla chemioterapia, senza andare ad intaccare le cellule sane.

Il dottor Vittorio ha spiegato al Sydney Morning Herald che la forma modificata di catechina è efficace nel distruggere le cellule di neuroblastoma che sono altamente resistenti alla chemioterapia convenzionale, ma ha effetti minimi sulle cellule normali. Il prossimo obiettivo è quello di trovare una terapia efficace contro il neuroblastoma aggressivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>