I videogiochi aumentano le prestazioni del cervello

di Alessandro Bombardieri Commenta

184087-starcraft

Secondo i risultati di un nuovo studio condotto dai ricercatori della Queen Mary University di Londra e la University College London (UCL), alcuni tipi di videogiochi sarebbero in grado di favorire le facoltà cerebrali, migliorare il pensiero strategico e l’agilità mentale.


Il dottor Brian Glass della Queen Mary’s School of Biological and Chemical Sciences e colleghi hanno reclutato 72 volontari che sono stati suddivisi in tre gruppi, i quali sono stati invitati a giocare a tre diversi tipi di videogiochi. I primi due gruppi hanno giocato a due diverse versioni di Starcraft (i giocatori devono costruire e organizzare velocemente degli eserciti per combattere) mentre il terzo gruppo ha giocato a The Sims, un gestionale di simulazione della vita, più tranquillo.

I soggetti hanno giocato ai videogiochi per 40 ore durante 6-8 settimane: sono stati osservati e studiati anche per mezzo di una serie di test psicologici condotti sia prima che dopo il periodo di studio. I risultati hanno svelato che coloro che hanno giocato a StarCraft erano più veloci e più accurati nello svolgere i compiti di flessibilità cognitiva, rispetto a quelli che hanno giocato a The Sims.

MANGIARE CIOCCOLATO MANTIENE GIOVANE IL CERVELLO

Come spiegato nel comunicato ufficiale, questo studio mostra che la flessibilità cognitiva non è una caratteristica statica ma può essere addestrata e migliorata utilizzando strumenti di apprendimento divertenti come un gioco. Precedenti studi avevano rilevato che i videogiochi d’azione invece possono accelerare il processo decisionale, ma gli studi più recenti hanno trovato che i giochi di strategia in tempo reale sono in grado di promuovere la nostra capacità di pensare al volo e imparare dagli errori del passato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>