Ginkgo biloba utile contro demenza e perdita di memoria

di Alessandro Bombardieri Commenta

parks.it

Un recente studio scientifico ha confermato le proprietà positive del Ginkgo biloba sulla salute del cervello umano, anche se a dire il vero non si tratta della prima ricerca a confermare le qualità del Ginkgo biloba nel favorire il benessere del cervello.


Il nuovo studio, condotto dal professor Yuliang Wang e colleghi del Weifang Medical University, ha scoperto che un estratto del Ginkgo biloba è in grado promuovere e prolungare la proliferazione delle cellule neurali.

La ricerca è stata portata avanti su modello animale, usando un estratto di Ginkgo biloba ribattezzato “EGb761”, i cui effetti sono stati testati su cellule staminali neurali della zona subventriculare (quella che si trova lungo i ventricoli laterali, dove le cellule staminali neurali e le cellule progenitrici generano nuovi neuroni) e del giro dentato (si trova nell’Ippocampo ed è la sede dei processi legati alla memoria e di alcuni stati d’animo) di ratti con demenza vascolare.

SINTOMI DEMENZA SENILE

I risultati di questo particolare studio, pubblicati su Neural Regeneration Research, hanno permesso di scoprire che l’estratto EGb761 ha promosso e prolungato la proliferazione delle cellule staminali neurali nella zona subventriculare e il giro dentato, inoltre è stato rilevato che queste hanno continuato a proliferare per 4 mesi dopo il trattamento. Inoltre l’estratto di Ginkgo biloba ha migliorato in maniera importante le capacità di apprendimento e la memoria dei soggetti trattati.

Sebbene saranno necessari nuovi approfondimenti in tal senso, questa ricerca apre nuovi orizzonti circa il trattamento della demenza senile, anche quella di tipo senile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>