Ferro per ridurre i rischi di Parkinson

di Alessandro Bombardieri Commenta

spinaci.1024x768

Secondo quanto emerso da un recente studio condotto dai ricercatori dell’Accademia Europea di Bolzano in collaborazione con un team di ricercatori internazionali, è emerso che il ferro è utile anche per ridurre il rischio di Parkinson.


Una delle funzioni principali di questa sostanza è quella di favorire il trasporto dell’ossigeno ai tessuti e ai muscoli, questo processo si concretizza tramite l’emoglobina, la mioglobina (costituite dal ferro) e altre sostanze. Lo studio ha indagato sull’associazione tra i livelli di ferro nel sangue e il rischio di Parkinson, sfruttando un approccio a “Randomizzazione Mendeliana”, stimando cioè l’effetto dei livelli di ferro nel sangue sul rischio di malattia di Parkinson. Sono stati impiegati tre polimorfismi in due geni: HFE e TMPRSS6.

PEPERONI E POMODORI RIDUCONO IL RISCHIO PARKINSON

È stata realizzata una prima meta-analisi combinando i risultati di studi che hanno valutato l’effetto genetico sui livelli di ferro, coinvolgendo quasi 22mila persone provenienti da Europa e Australia; una seconda meta-analisi comprendeva studi che hanno valutato l’effetto genetico sul rischio di malattia di Parkinson (su 20.809 persone con malattia di Parkinson e 88.892 soggetti di controllo da Europa e Nord America). Sono state poi eseguite tre analisi di Randomizzazione Mendeliana separate per i tre polimorfismi con lo scopo di stimare l’effetto del ferro sul Parkinson.

I risultati di questa ricerca suggeriscono che un aumento dei livelli di ferro nel sangue è associato a una riduzione relativa del 3% del rischio di malattia di Parkinson. I risultati completi sono stati pubblicati nella rivista PLoS Medicine. Rimane ancora tuttavia poco chiaro il meccanismo per cui il ferro riduce il rischio di Parkinson.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>