Farmaco antitumorale per curare l’Alzheimer

di Vito Verna Commenta

Curare l'Alzheimer con un farmaco antitumorale potrebbe a breve divenire possibile ed efficace.

Un team di neuroscienziati facenti capo alla School of Medicine della Case Western Reserve University, università statunitense, con sede a Cleveland, Ohio, delle più prestigiose e rinomate a livello globale, avrebbe in questi giorni pubblicato, sulle colonne della più importante e famosa rivista scientifica al mondo, ovverosia Science, i risultati di un approfondito studio, condotto negli scorsi anni, finalizzato a dimostrare l’efficacia di alcuni farmaci antitumorali nel trattamento e nella cura dell’Alzheimer, patologia degenerativa del sistema nervoso centrale.

DIGIUNARE PER POTENZIARE GLI EFFETTI DELLA CHEMIOTERAPIA

In particolare, come dichiarato da uno dei principali autori della ricerca, il medico e scienziato della succitata università Daniel Wesson, si sarebbero voluti indagare i possibili effetti collaterali, in questo caso oltre modo benefici, dell’applicazione di bexarotene, uno dei più diffusi, utilizzati ed efficaci farmaci antitumorali mai inventati dall’uomo.

STIMOLAZIONE ELETTRICA PER CURARE L’ALZHEIMER

Ebbene, stando a quanto confermato da Gary Landreth, professore di neurologia presso la Case Western Reserve University, il bexarotone, oltre a ridurre il decadimento delle cellule cerebrali dovuto all’insorgenza ed al progredire dell’Alzheimer sarebbe efficacie sin dalle primissime applicazioni.

COS’E’ LA DEMENZA

In particolare, per lo meno su modello murino,si sarebbe osservata una riduzione del 50% delle placche amiloidi a sole 8 ore dalla prima somministrazione del farmaco. L’effetto benefico, inoltre, avrebbe avuto una durata superiore ai 3 giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>