Cosa sono i batteri

di Vito Verna 4

I batteri sono uno dei regni basilari del classificazione scientifica.

Dopo aver visto cosa sono i virus e cosa sono i prioni continuiamo la nostra revisione dei microrganismi cosiddetti patogeni occupandoci di una forma di vita tanto diffusa quanto pericolosa: i batteri.


COSA SONO I BATTERI

Secondo la classificazione scientifica più moderna, quella voluta nel 1998 da Thomas Cavalier-Smith, noto biologo dell’Università di Oxford, i batteri sono organismi unicellulari, facenti parte del dominio dei procarioti, aventi un proprio regno che, nonostante sia stato, in passato, unificato a quello di altri microrganismi, è in realtà ben definito da specifiche caratteristiche che lo rendono identificabile oltre ogni ragionevole dubbio.

Detto questo, è stabilito il range d’azione dei batteri, possiamo procedere alla loro definizione.

DEFINIZIONE DEI BATTERI

I batteri sono davvero moltissimi. I criteri di classificazione e definizione comunemente utilizzati per suddividerli e riconoscerli sono essenzialmente 3 e si baserebbero sulla forma, sulla temperatura di sviluppo e sulle relazioni intrattenute con l’ospite.

Classificazione in base alla forma

Se consideriamo i batteri dal punto di vista della forma, allora dovremmo classificarli in:

– bacilli (a bastoncino)

– cocchi (a sfera); a loro volta possono classificarsi in base alla disposizione delle sfere. Avremo così diplococchi (2 sfere), streptococchi (catena di sfere), stafilococchi (grappoli di sfere) e sarcine (disposizione a cubo delle sfere)

– vibrioni (a virgola)

– spirilli ( a spirale)

– spirochete (con molte curve)

Classificazione in base alla temperatura di sviluppo

Se, invece, volessimo considerare i batteri dal punto di vista della temperatura minima necessaria al loro sviluppo, allora dovremmo classificarli in:

– criofili (riproduzione compresa tra zero e 20° centigradi)

– mesofili (riproduzione compresa tra 20 e 45° centigradi)

– termofili (riproduzione compresa tra 45 e 80° centigradi)

Classificazione in base alle relazioni intrattenute con l’organismo ospite

Considerando, infine, i batteri sotto questo punto di vista, allora avremo a disposizione:

– batteri commensali (solitamente presenti nell’organismo sono utili al suo funzionamento)

– batteri patogeni (sono causa di infezione); si suddividono in patogeni facoltativi (ovverosia che causano malattia soltanto in particolari condizioni) e patogeni obbligati (causano, in qualsiasi caso, l’instaurarsi di un processo morboso).

Alcuni di questi sono:

salmonellosi

tubercolosi

tetano

IDENTIFICAZIONE DEI BATTERI

Affinché i batteri vengano classificati nella maniera più idonea e si possa, quindi, procedere alla loro identificazione, così che, nel caso di batteri patogeni, si possa procedere all’elaborazione dei più adeguati metodi di cura, si utilizzano solitamente procedure di carattere meccanico e chimico.

I primi consistono, essenzialmente, nella loro minuziosa osservazione mediante microscopio ottico o elettronico.

I secondi, invece, consistono, essenzialmente, nella colorazione di Gram (grazie alla quale si possono individuare le caratteristiche proprie e particolari della membrana cellulare) e nell’individuazione dei comportamenti tipici della colonia batterica.

Commenti (4)

  1. wooooooooooooooooooooooooooooowwwwwww questo è perfetto x la mia ricerca

  2. @valeria:
    per me no vaffanculo

  3. @valeria:
    per me no vaffanculo

  4. mi ha aiutato in una sola parte della ricerca DIOBOIA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>