Conoscere e curare i disturbi d’ansia

di Vito Verna Commenta

Conoscere, grazie ad uno specialista, il proprio disturbo mentale, è di fondamentale importanza per procedere alla propria guarigione.

I disturbi d’ansia, secondo quanto rivelato dalle più recenti indagini in merito, sarebbero tra i disturbi psicologici più diffusi tra la popolazione.

Rappresentano, dunque, un grave problema sociale che, nei casi più gravi, potrebbe portare il soggetto malato, vittima della più svariate ossessioni o fobie, ad isolarsi in una realtà propria, caratterizzata da condotte e comportamenti di evitamento, all’interno della quale risulta essere fondamentale la presenza, costante, di alcune specifiche figure di riferimento.

ANSIA E DEPRESSIONE, QUALI CURE ?

Eppure, nonostante tutto questo, le patologie delle quali vogliamo oggi discutere non verrebbero affrontate dalla maggior parte degli italiani che, purtroppo, non ne conoscerebbero rischi, caratteristiche, sintomi o strategie terapeutiche.

ANSIA CAUSATA DA DIFETTI DEL CERVELLO

La difficoltà nell’interpretazione del proprio specifico disturbo, la cui gravità potrebbe addirittura acuirsi in caso di errata autodiagnosi, si ritroverebbe nel fatto che, per propria stessa natura, ogni malattia mentale afferente al vastissimo settore dei disturbi d’ansia (quali, solamente per citare i più importanti, il Disturbo di Ansia Generalizzato, il Disturbo di Panico ed il Disturbo Ossessivo-Compulsivo), si presenterebbe, in ogni singolo soggetto, con caratteristiche uniche e particolarissime che, per la propria individuazione nonché per il proprio trattamento, richiederebbero l’intervento di uno specialista, foss’anche solamente il medico di medicina generale, che escluda l’eventuale presenza di anomalie fisiologiche (molte malattie del sistema endocrino, specie a carico della tiroide, si esprimerebbero infatti con i medesimo sintomi dei più comuni disturbi mentali), dia un nome specifico alla patologia del soggetto e, infine, lo indirizzi verso il terapeuta più consono alla risoluzione psicologica del problema in questione.

SINTOMI ANSIA

Ricordiamo che, in conclusione, solamente a questo livello sarebbe possibile, per il medico di medicina generale, lo specialista od il terapeuta, procedere alla somministrazione di una cura farmacologica, solitamente a base di barbiturici, benzodiazepine o antidepressivi serotoninergici, e come i rimedi fai da te, specialmente nel caso in cui la patologia fosse di quelle oggi alla nostra attenzione, siano assolutamente da sconsigliare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>