Come prevenire le allergie alimentari

di Alessandro Bombardieri 1

cibo

L’European Academy Asthma Congress che si è riunito a Milano nei giorni scorsi, ha stimato che solamente in Europa soffrono di allergie alimentari 17 milioni di persone di cui almeno 3,5 milioni sono bambini, con altrettanti ricoveri ospedalieri.


Per cercare di ridurre questi numeri è stato stilato un documento, prodotto dalla EAACI in collaborazione con il World Allergy Organozation (WAO), dedicato a tutte le persone che soffrono di allergie alimentari, soprattutto minori di 18 anni e donne incinte, per suggerire le azioni da intraprendere per evitare le crisi allergiche. L’obiettivo è anche quello di rendere più facile la vita di chi soffre di queste allergie, tramite l’uso di test per la diagnosi gratuiti, consigli su terapie attraverso l’uso di prodotti speciali ancora in via di sperimentazione.

Oltre a tutto questo, c’è anche l’obiettivo di istruire i gestori dei ristoranti a gestire una crisi che potrebbe capitare ad un cliente. A breve in alcuni ristoranti dovrebbero comparire infatti defibrillatore ed adrenalina. Durante l’incontro è stato ricordato come la crisi allergica non dipenda mai dalla dose assunta, infatti le crisi potrebbero scatenarsi anche solo sentendo l’odore di un alimento.

SINTOMI ALLERGIE

Secondo gli ultimi studi l’allergia alimentare nasce da piccoli quando si viene a contatto con alimenti ricchi di allergeni in un momento in cui il sistema immunitario è ancora troppo immaturo, e dal quel momento in poi il corpo riconosce l’alimento come un nemico. Proprio per questo le nuove campagne di sensibilizzazione si rivolgono soprattutto alle future mamme, istruendole sui comportamenti da tenere con il bambino in una fase delicata come lo svezzamento, suggerendo in particolare di allattare il bambino almeno per i primi sei mesi di vita.

Commenti (1)

  1. On notera au passage que les deux tourteraux picolent dru (3 boe!eillust) avant d’aller sous la couette, ce qui n’est pas toujours un bon calcul, foi de gosier pentu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>