Broccoli proteggono contro artrite e artrosi

di Alessandro Bombardieri Commenta

broccoli

Un recente studio condotto dai ricercatori dell’Università di East Anglia (UEA) ha scoperto un’altra proprietà molto interessante dei broccoli, già conosciuti per le loro capacità di contrastare i tumori.


I ricercatori hanno scoperto che mangiare adeguate quantità di broccoli può alleviare, rallentare e anche prevenire artrite e artrosi. Il Sulforafano presente nelle crucifere sarebbe in grado di rallentare la distruzione delle cartilagini che compongono le articolazioni e che possono essere colpite dall’osteoartrite.

In principio è stato condotto un test su modello animale, ma adesso è già partita la sperimentazione sugli esseri umani. Sono stati reclutati 40 pazienti affetti da osteoartrosi che dovrebbero essere operati chirurgicamente alle ginocchia dopo lo studio. L’obiettivo è quello di scoprire gli effetti dei broccoli nel periodo precedente all’intervento e vedere se ci sono delle modifiche che possono evitare l’operazione.

SINTOMI ARTRITE REUMATOIDE

Il 50% dei volontari dovrà mangiare ogni giorno per due settimane, grandi porzioni di broccoli per ottenere buone quantità di glucorafanina, un glucosinolato presente in broccoli e cavolfiori che il nostro organismo trasforma in sulforafano. Invece l’altra metà dei volontari continuerà a seguire la propria dieta, e funzionerà da gruppo di controllo.

Come dichiarato dalla dottoressa Rose Davidson, che coordina lo studio, viene chiesto ai pazienti di mangiare 100 grammi di broccoli ogni giorno per due settimane, una quantità che la maggior parte delle persone dovrebbero essere felici di mangiare tutti i giorni. Gli studiosi sperano di poter dimostrare che i broccoli sono un cibo funzionale in grado di offrire molti benefici agli esseri umani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>