Aglio crudo riduce rischi di cancro ai polmoni

di Alessandro Bombardieri Commenta

L-aglio-crudo-dimezza-il-rischio-di-cancro-ai-polmoni_h_partb

Molto spesso scriviamo di scoperte abbastanza strane, ma forse questa è una delle più incredibili, infatti secondo un recente studio, mangiare l’aglio crudo andrebbe a ridurre in maniera importante il rischio di cancro ai polmoni.


Secondo questo particolare studio, mangiare almeno due volte a settimana dell’aglio crudo andrebbe a dimezzare il rischio di sviluppare un cancro ai polmoni. La ricerca di cui stiamo parlando è stata condotta dallo Jiangsu Provincial Centre for Disease Control and Prevention, i risultati della stessa sono stati pubblicato online su Cancer Prevention Research.

Durante la ricerca, gli esperti hanno preso in esame le abitudini alimentari di più di 1.400 pazienti malati di cancro al polmone, confrontandole con quelle di 4.500 adulti in salute. I ricercatori hanno scoperto che chi mangiava aglio crudo con regolarità aveva un rischio di sviluppare la malattia molto ridotto rispetto a chi non consumava questo alimento. L’aspetto più incredibile dell’intera ricerca è che gli stessi risultati sono stati rilevati anche sui soggetti che fumavano regolarmente sigarette.

AGLIO PROPRIETÀ

Come spiegato dagli studiosi, nella ricerca non è stato chiarito se gli stessi benefici si ottengono anche quando si consuma aglio cotto, però esperimenti condotti in precedenza hanno dimostrato che gran parte degli effetti positivi dell’aglio arrivano dall’allicina, la quale si ottiene quando lo spicchio viene schiacciato o tagliato. L’allicina è molto importante in quanto va ad agire come un antiossidante, riducendo i danni dei radicali liberi.

Anche se l’alito non sarà dei migliori, mangiare aglio crudo sembra essere un ottimo metodo per ridurre i rischi di cancro ai polmoni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>