25 milioni di italiani senza medici entro il 2025

di Vito Verna Commenta

Entro il 2025, in base alle statistiche più recenti, oltre 25 milioni di italiani resteranno senza medico.

Lo scenario, quanto mai inquietante, sarebbe stato delineato dal vicepresidente della Fondazione ENPAM (Ente Nazionale Previdenza e Assistenza dei Medici e degli Odontoiatri) Alberto Oliveti: entro il 2025, ovverosia e più precisamente nell’arco dei dieci anni compresi tra il 2015 ed il 2025, vi sarà un così alto ed imprevisto numero di pensionamenti tra i medici, impossibili da rimpiazzare agli attuali ritmi formativi, da lasciare completamente sguarniti della benché minima assistenza medica ben 25 milioni di italiani.

LA MORTE DEL PREMIO NOBEL RENATO DULBECCO

Il problema, secondo il responsabile dell’ente previdenziale dei medici, sarebbe da ricercarsi, in massima parte, in due fondamentali fattori che, nell’arco di una decina d’anni, avrebbero profondamente condizionato, modificandole radicalmente, le scelte dei medici di medicina generale, delle guardie mediche e dei medici pediatri.

20 MILIONI DI ITALIANI OBESI NEL 2025

Il crescere dei carichi di lavoro, congiuntamente all’imprevedibile crisi economica degli ultimi 4 anni, avrebbero fatto propendere moltissimi medici, o comunque molti di più rispetto a quelli preventivati, per il prepensionamento o per differenti forme di pensionamento anticipato, facendo letteralmente crollare l’età media di pensionamento della categoria.

AUTISMO E SCLEROSI MULTIPLA INVISIBILI ALLA SOCIETA’

Se, infatti, agli inizi degli anni 2000 solamente una piccolissima percentuale di medici, inferiore al 3%, sceglieva di ritirarsi a vita privata entro i 65 anni di età, attualmente quella percentuale sarebbe esponenzialmente cresciuta sino a toccare il 25%.

Allo studio sia della FIMMG (Federazione Italiana Medici di Medicina Generale) che dell’ENPAM, dunque, vi sarebbero oggi manovre correttive che inducano la categoria a spostare, maggiormente avanti nel tempo, l’età minima per il pensionamento.

Obiettivo, dichiarato, è quello di aumentare, entro il 2018, l’età per la pensione ordinaria dagli attuali 65 ai futuri 68 anni di età.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>