Decalogo anti-caldo del Ministero della Salute

di Fabiana Commenta

Come affrontare la prima ondata di calore della stagione

afaDopo un bel po’ di attesa, sembra che l’estate sia effettivamente arrivata e l’Italia si prepara già prima ondata di caldo attesa per il fine settimana. 

 

Gli esperti spiegano che l’anticiclone Ade provocherà una Hot storm in Europa e in Italia da domenica fino al 21 Giugno: insomma una vera e propria tempesta di caldo con radici subtropicali e che potrebbe avere concrete ripercussioni anche sul fisico. 

Direttamente dal Ministero della Salute arriva il decalogo anti-caldo, una serie di regole da seguire per poter affrontare nel migliore dei modi l’ondata di calore in arrivo. 

 

Il primo consiglio ovviamente è quello di evitare di uscire nelle ore più calde della giornata, in particolare dalle ore 11 alle ore 18 (se proprio non indispensabile). Proteggere gli occhi con gli occhiali da sole e la pelle dalle scottature con un fattore protettivo.

 

In particolare è sconsigliato l’accesso ai parchi e alle aree verdi ai bambini molto piccoli, agli anziani, alle persone non autosufficienti o alle persone convalescenti. 

Attenzione all’alimentazione: meglio consumare pasti leggeri a tavola e mangiare molta frutta e verdura ricche di acqua.  

 

EMERGENZA CALDO COME PROTEGGERE GLI ANZIANI

 

Va bene rinfrescare le stanza e utilizzare condizionatori e ventilatori, ma senza esagerare con il freddo: l’aria condizionata andrebbe usata con una certa moderazione e solo nelle giornate effettivamente più calde regolando la temperatura sui 25°C – 27°C. È anche importante coprirsi nel passaggio da un ambiente caldo ad uno più freddo e mantenere puliti i filtri. 

Ridurre il livello di attività fisica intensa nelle ore più calde della giornata.

È molto importante bere due litri di acqua al giorno e anche gli anziani devono bere anche se apparentemente non ne sentono la necessità.

Sì all’acqua, ma evitare di bere alcolici o bevande troppo gassate o troppo fredde. 

Cercare di indossare abiti leggeri e non aderenti, possibilmente di fibre naturali che consentano di assorbire il sudore.

 

Foto Thinkstock

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>