Zucchero per calmare la rabbia

di Elena Botta Commenta

per raffreddare gli animi troppo surriscaldati basta un cucchiaino di zucchero

zucchero

Qualche tempo fa abbiamo detto che da alcuni studi si è riscontrato che la rabbia stimola e aiuta a raggiungere gli obiettivi che ci si prefigge perchè acutizza tutti i sensi che si proiettano verso il raggiungimento dello scopo che ci si è prefissati.
La notizia di oggi è che per raffreddare gli animi troppo surriscaldati basta un cucchiaino di zucchero.
L’effetto sarebbe dato dall’effetto del glucosio nel sangue, che fornirebbe energia al cervello aumentando la capacità di autocontrollo.
Per riuscire a placare la rabbia bisogna avere un forte self control e questo provoca un grande sforzo e spreco di energie da parte del cervello che deve riprendere l’autocontrollo sul corpo.



Alcuni studiosi americani della Ohio State University hanno condotto un’esperimento su una sessantina di ragazzi che sono stati tenuti a digiuno per tre ore in modo da abbassare i livelli di glucosio nel sangue, dopodichè sono stati invitati a prendere parte ad un test in cui dovevano valutare i propri riflessi contro uno sfidante mai visto; colui che perdeva veniva sottoposto ad una penitenza che consisteva in una scarica rumorosa nelle orecchie scelta però dal concorrente che aveva vinto, su una scala da uno a dieci.
A metà dei ragazzi è stata fatta bere una limonata con zucchero, mentre agli altri la stessa bevanda con un surrogato dello zucchero e si è evinto che coloro che avevano assunto zucchero risultavano essere meno aggressivi rispetto agli altri partecipanti.
Questo ha fatto capire agli studiosi che coloro che hanno disturbi del metabolismo delllo zucchero risultano avere anche dei disturbi comportamentali che possono sfociare il più delle volte in aggressività vera e propria.
Questo, se non curato, può sfociare nel grave disturbo borderline di personalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>