Musica allevia il dolore e accelera la guarigione

di Fabiana Commenta

Ascoltare musica armoniosa favorirebbe la guarigione e abbasserebbe il livello di dolore

La musica è un piacere per lo spirito e per la mente che regala piacere e benessere, ma sembra proprio che abbia anche delle vere e proprie capacità terapeutiche anche da un punto di vista clinico.

La musica infatti agirebbe realmente sul sistema immunitario e sul sistema nervoso simpatico che controlla le funzioni corporee involontarie: è quando emerge dalla revisione scientifica sistematica condotta dai ricercatori del Massachusetts General Hospital e della Harvard Medical School di Boston (Usa) che hanno scoperto che ascoltare musica andrebbe a ridurre i livelli in circolazione dell’ormone cortisolo, conosciuto anche come ormone dello stress.

È il cortisolo che, oltre a svolgere un ruolo di primo piano nell’aumento dell’attività metabolica, nella gestione dello stress o dell’energia, dell’umore e delle emozioni, può interferire anche negativamente con il sistema immunitario.

Lo studio ha analizzato gli effetti della musica in diverse situazioni dimostrando chiaramente che l’ascolto della musica nei pazienti operati chirurgicamente andava a ridurre considerevolmente i livelli di cortisolo, favorendo la capacità di guarigione e abbassava anche il livello del dolore con conseguente riduzione di antidolorifici.

Ma sono molti gli sudi che hanno dimostrato i numerosi benefici effetti dell’ascolto della musica: si va dalla riduzione dell’insufficienza cardiaca alla stimolazione del sistema immunitario ai benefici per i neonati prematuri. Attenzione però perché se è vero che la scelta della musica resta legata a un gusto personale è anche vero che per riuscire a favorire il benessere, debba essere anche armoniosa per poter produrre gli effetti desiderati.

Foto Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>