Violenza domestica: gli uomini tendono a sovrastimarla, per giustificarsi

di Luca Bruno Commenta

Gli uomini che abusano del loro partner fisicamente sembrano sovrastimare la frequenza con cui tali atti si verificano tra la popolazione, e questo potrebbe dal loro maggiori opportunità di auto giustificarsi.

violenza

Gli uomini che abusano del loro partner fisicamente sembrano sovrastimare la frequenza con cui tali atti si verificano tra la popolazione, e questo potrebbe dal loro maggiori opportunità di auto giustificarsi.
Lo rivela un nuovo studio, condotto da ricercatori dell’Università di Washington che hanno sottoposto ad un attenta serie di questionari un campione di 124 uomini, coinvolti in una ricerca ad ampio raggio sulla violenza domestica.

Gli uomini esaminati si erano tutti resi protagonisti, nei 90 giorni precedenti allo studio, di una violenza nei confronti del partner. E’ stato chiesto loro di stimare la percentuale di violenze che il partner maschio esercita nei confronti della donna in ambito famigliare suddivise in sette diverse tipologie di abuso: oggetti lanciati contro il partner che potrebbero procurare lesioni, spinte, schiaffi e percosse, strangolamento, violenza fisica, minaccia armata e costringere il partner ad avere un rapporto sessuale contro la sua volontà.

Dalla ricerca è risultato che le percentuali stimate erano da due o tre volte superiori a quanto accade effettivamente nella realtà. Per esempio gli uomini coinvolti nello studio ritenevano che circa il 28% degli uomini si siano resi responsabili di aver lanciato un oggetto contro il partner nell’intento di far male: nella realtà, secondo le statistiche, negli Stati Uniti l’incidenza è di circa il 12%.

Un altro esempio evidente è la convinzione tra gli esaminati che il 24% della popolazione maschile abbia costretto il partner ad un rapporto sessuale controvoglia, mentre nella realtà, sempre secondo dati statistici ciò accade nell’8% dei casi.
so.

Commentando lo studio, pubblicato sulla rivista Violence Against Women, i ricercatori spiegano di non essere riusciti a capire perchè gli uomini hanno la tendenza a sovrastimare la violenza compiuta contro il partner, anche se suggeriscono almeno due motivi che potrebbero spiegare il fatto.

Il primo è che stimando i gesti violenti più comuni di quello che sono si incorre in una sorta di auto giustificazione dei propri atti, perchè praticati anche da tanti altri, mentre il secondo motivo è che pensare alla violenza come ad un fatto comune riduce la percezione della sua gravità.

In conclusione i ricercatori affermano che più si riesce a correggere le idee sbagliate sulla violenza, per esempio dimostrando che questa non è affatto una pratica così comune, più si potrebbe modificare il comportamento di molti uomini in merito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>